Inter > calciomercato Inter > Bari-Inter, Leonardo: “Non è lotta a due col Milan. Ottimo il nostro mercato”

Bari-Inter, Leonardo: “Non è lotta a due col Milan. Ottimo il nostro mercato”

Leonardo - Getty Images

BARI-INTER, CONFERENZA LEONARDO / MILANO – Il pareggio del Milan di ieri ha fatto suonare un campanello in casa Inter: bisogna battere il Bari per accorciare il distacco dalla vetta e mettere pressione sui rossoneri. “La classifica non deve essere una preoccupazione, mancano troppe partite, e lo 0-0 di ieri dimostra che in questo campionato è difficile vincere qualsiasi partita – dichiara Leonardo in conferenza stampa – Dobbiamo affrontare ogni partita come stiamo facendo finora, i risutlati sono buoni, ma non è una corsa a due col Milan, tante squadre possono lottare fino alla fine. Bari? Non dobbiamo pensare ai punti che abbiamo noi e loro: hanno raccolto meno di quanto meritavano, è una partita da non sottovalutare e dobbiamo affrontarla nel modo giusto. E’ chiaro che dobbiamo ancora trovare il prefetto equilibrio, ma tutte squadre hanno avuto un calo e noi abbiamo giocato con l’obbligo di vincere, ci siamo riuscti e siamo rientrati nel gruppo di vertice”.

Ancora tutta da decidere la formazione che affronterà i pugliesi: “Abbiamo fatto otto partite in un mese, il che significa grande fatica, bisogna gestire le situazioni – prosegue il tecnico brasiliano – Cambiasso? Niente di grave, valuteremo meglio domani. Sneijder? E’ fermo da 50 giorni, è tanto tempo, decideremo anche in base anche alla forma degli altri centrocampisti.  Nagatomo? Il Giappone è cresciuto tanto, io ci ho giocato 15 anni fa e lo seguo sempre: ha vinto la Coppa d’Asia e tanti giocatori militano in campionati europei. Yuto è qui per merito suo, ha avuto una crescita veloce e questa grande opportunità: mi fa molto piacere per lui, anche Zaccheroni me ne ha parlato molto bene”. Infine una battuta sul mercato: “Senza fare paragoni con le altre squadre, credo che noi abbiamo trovato le pedine giuste alle giuste condizioni: un compito molto difficile, abbiamo fatto molto bene”.