Inter > Inter News > Calciopoli, ESCLUSIVO avvocato Di Giuseppe: “Revoca Scudetto 2006 sarebbe un mostro giuridico”

Calciopoli, ESCLUSIVO avvocato Di Giuseppe: “Revoca Scudetto 2006 sarebbe un mostro giuridico”

Giacinto Facchetti - Getty images


CALCIOPOLI, ESCLUSIVO AVVOCATO DI GIUSEPPE SU REVOCA SCUDETTO INTER / PARMA – Giorni importanti nella storia dell’Inter. Tra meno di dieci giorni il Consiglio federale sarà chiamato a pronunciarsi sulla revoca dello Scudetto 2006, assegnato ai nerazzurri dopo i noti fatti di Calciopoli. Per avere un parere giuridico sulla faccenda ‘Interlive.it‘ ha intervistato in esclusiva l’avvocato Gianmarco Di Giuseppe, esperto di diritto civile e penale: “Il conteso scudetto 2006 in realtà è giuridicamente intangibile: allo stato non vi è alcun fatto nuovo passato in giudicato che possa alterare lo status quo, ma solo un’opinione del procuratore Palazzi, la quale non ha nemmeno valore di formale capo di imputazione – dichiara ai nostri microfoni – Rinunciare alla prescrizione? Si tratta di un istituto nobile ed antico, rinunciarvi sarebbe solo un immenso regalo per i detrattori dei nerazzurri”.

Per ribaltare il parere dato dai tre saggi nel 2006 si fa leva su presunti fatti ‘poco limpidi’ attribuiti a Giacinto Facchetti: “La formula con cui l’allora commissario straordinario della FIGC Guido Rossi chiuse la questione scudetto, secondo la quale non si rinvenivano motivi per non assegnarlo ad FC Internazionale dopo la riformulata classifica di seria A all’esito del giudicato sportivo, lo rende giuridicamente intangibile – prosegue l’avvocato Di Giuseppe – Lo scudetto 2006 va considerato alla stregua di tutti gli altri assegnati nella storia del campionato di calcio italiano. Solo all’esito di un nuovo processo sportivo, in cui fosse riconosciuto il diritto di difesa nel contraddittorio delle parti si potrebbe autorizzare la revoca dello scudetto. Ma tale processo non è instaurabile perchè i supposti fatti sono improcedibili o comunque prescritti. Tanto non significa che il Consiglio federale, con decisione politica, non possa revocare il titolo: significa che tale eventuale decisione costituirebbe un mostro giuridico e presterebbe il fianco ad un ricorso nerazzurro per il ripristino della situazione attuale. L’intera storia degli scudetti sarebbe messa in discussione perchè, con un pericoloso precedente come questo, ogni squadra potrebbe chiedere la revoca dei titoli sportivi ‘poco limpidi’ del passato”.