Inter > Inter News > Inter-Cagliari, le pagelle

Inter-Cagliari, le pagelle

Coutinho - Getty Images

PAGELLE INTER-CAGLIARI / MILANO – Solo qualche preoccupazione sul finire di gara per l’Inter che batte meritatamente un Cagliari svegliatosi troppo tardi. Superbe le prestazioni degli autori dei gol Thiago Motta e Coutinho assieme a un maestoso capitan Zanetti. Nella ripresa bene Alvarez (al posto di un Zarate vivace ma inconcludente) che propizia le azioni di entrambe le marcature interiste. Ancora una prova incolore e unica nota stonata nerazzurra per Jonathan apparso spaesato e troppo timido e impreciso in fase di appoggio. Per il Cagliari discreto il muro difensivo formato da Canini e Ariaudo che non hanno reso la vita facile a uno sfortunato Pazzini; per i rossoblu bene Larrivey che oltre a siglare il gol della bandiera mette in apprensione la difesa dell’Inter nei minuti finali. Male il resto dell’attacco con gli impalpabili Nenè e Thiago Ribeiro non appoggiati a dovere da un centrocampo troppo compassato.

 

Julio Cesar 6 Una sola parata da tergo su Larrivey a metà ripresa. Incolpevole sul gol della bandiera dello stesso argentino.
Jonathan 5 Impalpabile appoggio alla manovra sembrando ancora che sia arrivato in squadra per caso.
>dall’86’ Faraoni sv
Ranocchia 6.5 Anticipa sempre in maniera pulita gli avanti avversari.
Samuel 6.5 Ordinaria amministrazione contro gli attaccanti ospiti.
Zanetti 7 Anche spostato sull’out sinistro sforna la consueta prestazione eccellente fatta di qualità e quantità.
Stankovic 6.5 Qualche imprecisione nella prima frazione, molto positivo nella ripresa in fase di appoggio.
Thiago Motta 7 Secondo gol consecutivo a San Siro con la sua consueta pericolosità sui calci piazzati. Bene in fase di regia.
Cambiasso 6.5 Positivo l’apporto sia come mediano che come trequartista nella ripresa.
Coutinho 7 Fatica a trovare palloni giocabili sulla trequarti nel primo tempo, sale in cattedra nella ripresa partendo da sinistra siglando in maniera pregevole il raddoppio.
>dal 68′ Obi 6 Copre diligentemente la fascia sinistra in fase difensiva.
Zarate 6 Il più pimpante nel primo tempo colpendo anche la traversa su punizione, ma perde sempre l’attimo per l’ultimo passaggio incapunendosi coi dribbling.
> dal 1′ st Alvarez 6.5 Ci mette lo zampino in entrambi i gol nerazzurri, buone le giocate in appoggio sulla destra a rientrare sfruttando il suo morbido mancino.
Pazzini 6 Comincia con un tiro dal limite con Agazzi e la traversa che gli negano il vantaggio; non sfrutta in rete quei pochi palloni invitanti in area.

Ranieri 7 Azzeccata la mossa di sostituire Zarate con un Alvarez che prima dell’infortunio di Sneijder non figurava nemmeno in panchina, ma soprattutto il passaggio nella ripresa al modulo 4-2-3-1 dopo il quale la manovra è risultata più ariosa ed incisiva

 

CAGLIARI

Agazzi 7 Toglie il pallone dal sette nella prima frazione in due occasioni con l’aiuto dei legni, incolpevole sui gol.
Pisano 5 Fa fatica a chiudere le azioni dalle sue parti.
Canini 6 Discreto in fase di contenimento su Pazzini.
Ariaudo 6 Solido al limite dell’area.
Agostini 5 Soffre le azioni di Alvarez nella ripresa.
Biondini 5.5 Cerca di fraseggiare ma troppo spesso impreciso.
Conti 5 Tocca pochissimi palloni.
Nainggolan 5.5 Molto aggressivo in pressing tuttavia non appoggiando bene l’attacco.
Ekdal 5.5 Azione personale a inizio parita, poi poco visibile nella manovra.
> dal 62′ Ibarbo 6 Ci mette la sua fisicità per scardinare la difesa interista.
Nenè 5 Si vede più per le provocazioni agli avversari che per le giocate offensive.
>dal 59′ Larrivey 6.5 L’unico a impensierire Julio Cesar riaprendo la gara sul finale.
Thiago Ribeiro 5.5 Cerca di tenere qualche pallone sulla trequarti ma non è mai appoggiato dai compagni.

Ballardini 5 Troppo tardiva la reazione della squadra, apparsa disinnescata nella metacampo avversaria.

 

Arbitro Damato e assistenti 6 Gol di Thiago Motta viziato da un fuorigioco, involontario il fallo di mano nel controllo di palla. Giusto il fuorigioco sbandierato a Larrivey nella ripresa, palla in rete a gioco già fermo.

 

Giacomo Indiveri