Inter > Inter News > Genoa-Inter, le pagelle

Genoa-Inter, le pagelle

Yuto Nagatomo - Getty Images

PAGELLE GENOA-INTER / GENOVA – Vede la zona Europa l’Inter di Ranieri che ha la meglio di misura su un Genoa pericoloso solo nei minuti finali della gara. Scialba la prestazione dell’Inter con un modulo e soprattutto qualche interprete che non hanno proprio funzionato; almeno fino alla seconda rete consecutiva di un rigenerato Yuto Nagatomo (e seconda palma consecutiva di migliore in campo), che dopo aver siglato il vantaggio salva anche sul sempreverde genoano Marco Rossi allo scadere. Ricky Alvarez entra dalla panchina al posto di un rivedibile Faraoni, dando più incisività a un attacco a tratti inguardabile formato dal tandem Milito e Pazzini, fornendo l’assist vincente e colpendo anche un palo. Strepitosi in un paio di circostanze i due portieri Julio Cesar e Sebastien Frey. Dieci minuti di gloria per Diego Forlan autore di giocate pregevoli; bene ancora una volta Thiago Motta in versione di puro play-maker.

 

Julio Cesar 6.5 Qualche respinta di pugno a sbrogliare l’area, strepitoso al 90′ su bordata di Veloso dal limite.
Zanetti 6.5 Sempre efficace e pulito nelle chiusure difensive, bello il cambio di gioco per Lucio che mette in area nel primo tempo.
Lucio 6.5 Tenta una, sua solita, discesa solitaria dalla difesa sbagliando puntualmente l’appoggio, ma gioca bene dietro non rischiando nulla.
Samuel 6.5 Qualche problema nel primo tempo in fase di passaggio ricorrendo quasi sempre al lancio lungo, nella ripresa un paio di interventi rocciosi.
Nagatomo 7.5 Sfiora la rete a fine primo tempo con una ginocchiata maligna che sfila a lato di poco, poi svetta di testa in area per il gol vittoria. Salva sempre di testa su Rossi in zona Cesarini.
Faraoni 5 Volenteroso  ma un po’ nervoso e inefficace sulla fascia destra.
> dal 1′ st Alvarez 6.5  Entra in partita in maniera flemmatica poi migliora col passare dei minuti imbeccando Nagatomo con un bel cross per il gol del giapponese. Gran conclusione toccata da Frey a dieci dal termine che colpisce il palo.
Thiago Motta 6.5 Tatticamente perfetto mantenendo bene la distanza fra i reparti.
Cambiasso 6 Soffre l’aggressività genoana nel primo tempo, tiene bene il pallone nella ripresa.
Poli 5.5 Tocca parecchi palloni ma gioca in maniera spesso frenetica combinando poco.
> dal 69′ Obi 6 Efficace e veloce nelle chiusure sul finire di gara.
Milito 5 Si divora un gol in mischia da due passi dalla porta nella prima frazione, perde numerosi palloni facendo fatica a recuperarli. Giudicabile sono l’impegno.
> dall’80 Forlan 6.5 In dieci minuti fa più di Milito e Pazzini messi insieme con belle giocate e aperture sugli esterni.
Pazzini 5 Poche se non nulle le occasioni da rete per lui pur lottando, puo’ chiudere la gara al 90′ ma calcia addosso a Frey.

Ranieri 6 Non convince per niente il 4-4-2 con gli esterni Faraoni e Poli incapaci di fare la differenza sulla fasce. Cambi risultati azzeccati specie quello di Alvarez, tardivo quello di Forlan.

 

GENOA

 

Frey 7 Strepitoso su Samuel prima e Milito poi nella mischia in area nel primo tempo, si oppone a Pazzini allo scadere.
Dainelli 6 Discreta marcatura agli avanti interisti.
Granqvist 6 Pericoloso sulle punizioni in attacco.
Kaladze 5.5 Tecnicamente impacciato.
Moretti 6 Spinge talvolta, specie nel primo tempo.
Mesto 5 Sbaglia la diagonale sul colpo di testa vincente di Nagatomo.
Rossi 6.5 Corre come un forsennato sia in chiusura che in attacco.
Veloso 6 Sfiora il pareggio ma trova davanti Julio Cesar.
Merkel 5.5 Buoni mezzi ma acerbo tatticamente.
> dal 75′ Caracciolo sv
Constant 6 Gioca fuori ruolo mettendoci senonaltro agonismo a disturbare la difesa nerazzurra.
> dal 60′ Jankovic 5 Non entra in partita.
Zè Eduardo 5 Si dà da fare per tutto il fronte offensivo ma non rendendosi mai pericoloso.
> dal 50′ Pratto 4.5 A tratti inguardabile.

Malesani 6 Quasi un 3-4-3 per la squadra questa sera, che fa tremendamente fatica negli ultimi sedici metri.

 

Arbitro Banti e assistenti 6 Grave errore alla mezzora del primo tempo con l’evidente fallo da ultimo uomo non ravvisato a Granqvist su Milito che sarebbe costata l’espulsione allo svedese. Dubbio, semmai millimetrico,  il fuorigioco sbandierato allo stesso difensore nell’occasione della rete annullata a inizio ripresa. Direzione nel complesso sufficiente.

 

Giacomo Indiveri