Inter > calciomercato Inter > Calciomercato Inter: è scoccata l’ora di Branca

Calciomercato Inter: è scoccata l’ora di Branca

Marco Branca - Getty Images

CALCIOMERCATO INTER TEVEZ BRANCA KUCKA JUAN / MILANO – Ore frenetiche in casa Inter: il direttore tecnico dei nerazzurri Marco Branca starebbe preparando le ultime mosse per andare a rafforzare in maniera lesta e oculata la squadra guidata dal tecnico Ranieri. Smaltita l’euforia del derby, il dirigente interista pare sia pronto ad accellerare le trattative per Juan Jesus dell’Internacional, Kucka del Genoa, e soprattutto per Carlos Tevez del Manchester City. Sul difensore brasiliano il club nerazzurro avrebbe già da qualche mese concluso l’affare col club di Porto Alegre che ne detiene il cartellino ma nelle ultime ore avrebbe raggiunto anche un definitivo accordo col giocatore, che già nei prossimi giorni potrebbe sbarcare alla Pinetina: costo dell’operazione, 4 milioni di euro circa. Branca si starebbe muovendo anche in direzione Genova per definire col club di Enrico Preziosi, l’acquisto dell’altra metà di Juraj Kucka: lo slovacco, deludente in questi primi mesi di stagione con la maglia rossoblu, molto probabilmente arriverà in nerazzurro andando a rafforzare la linea mediana della rosa a disposizione del tecnico di Testaccio.

Il dirigente dell’Inter e il presidente genoano potrebbero concludere l’affare attorno ai 3 milioni di euro. Il fronte più spinoso è sicuramente quello riguardante Carlos Tevez; il City ieri sera avrebbe rifiutato l’offerta dei nerazzurri che si aggirava attorno ai 25 milioni di euro, ma secondo indiscrezioni, Massimo Moratti sarebbe pronto a rilanciare per l’Apache, arrivando a offrire, forse come ultima proposta, ben 28 milioni di euro, da versare come riscatto obbligatorio nel prossimo mese di giugno. Il dt dei nerazzurri molto probabilmente avrà un altro colloquio interlocutorio con Brian Marwood, dirigente dei ‘citizens’, e nel caso il club inglese dovesse accettare la nuova proposta formulata dall’Inter, si verserebbe in maniera fitta sul giocatore, per cercare di convincerlo a sbarcare a Milano.

 

Raffaele Amato