Inter > Inter News > Lecce-Inter, le pagelle: è suicidio Ranieri

Lecce-Inter, le pagelle: è suicidio Ranieri

Claudio Ranieri - Getty Images

PAGELLE LECCE-INTER / LECCE – Nel primo tempo, l’Inter entra in area facilmente ma la troppa sufficienza la porta a divorare numerose occasioni da rete, ma è il Lecce con il capitano Giacomazzi a gelare i nerazzurri siglando il gol vittoria. Ripresa inguardabile dei nerazzurri nonostante le prodezze del portiere giallorosso Benussi. Decisiva ai fini dell’andamento della gara la sostituzione di un pimpante Sneijder da parte di Ranieri riportando la squadra a un inerme 4-4-2 nonostante un bel primo tempo col rombo. Molte le insufficienze tra i nerazzurri, gravi quelle di Maicon, Milito e il subentrante Zarate.

 

Julio Cesar 6 Bravo a chiudere al 20′ su Muriel non può nulla sul gol di Giacomazzi; mai impegnato per il resto della gara, tranne allo scadere da Di Michele.
Maicon 4,5 Gioca con la svogliatezza di Coppa Italia contro il Napoli, sbaglia sistematicamente i cross dando il via ai contropiede leccesi.
Lucio 5,5 Si fa sorprendere dall’inserimento di Giacomazzi, cerca qualche buona sortita offesiva.
Samuel 6 In difficoltà sulla velocità di Muriel, grande stacco su corner di Sneijder con Benassi che si supera; palo sempre di testa a inizio ripresa.
Nagatomo 5 In apprensione su Cuadrado, spinge spesso sbagliando tutti i traversoni.
Zanetti 5 Inconsueti passaggi sbagliati in mezzo al campo.
Cambiasso 5,5 Ghiotta occasione di testa in area nel primo tempo, nella ripresa tampona qualche contropiede avversario.
Obi 5 Si inserisce spesso ma è poco efficace in appoggio.
>dal 72′ Zarate 4,5 Fa il possibile per sbagliare tutte le giocate.
Sneijder 6,5 Molto ispirato mettendo in mezzo molti palloni specie sui calci piazzati, sfiora il vantaggio dal vertice dell’area alla mezzora.
> dal 1′ st Alvarez 6 Gioca molti palloni tentando troppo spesso la conclusione da distanza siderale.
Pazzini 5 Pericoloso diagonale in area nella prima frazione, poi stenta a trovare palle pericolose; grande torsione allo scadere con Benussi che salva sulla linea.
Milito 4,5 Cerca il gol nei primi minuti da posizione impossibile su errore di Benussi, gioca con sufficienza eseguendo preziosismi inutili.

Ranieri 3 Inspiegabile la sostituzione di un pimpante Sneijder, dopo un primo tempo chiuso in svantaggio ma immeritatamente. Poca cosa nella ripresa col passaggio al 4-4-2, la tattica del ‘prima non prenderle’ non può funzionare su uno svantaggio.

 

LECCE

Benassi 7 Qualche incertezza di troppo all’inizio, poi parate super su colpo di testa di Samuel alla mezzora e poi su Pazzini; salva il risultato allo scadere sempre sull’attaccante sdraricando il pallone dalla linea.
Oddo 6 In difficoltà quando l’Inter attacca dalle sue parti, efficace nella ripresa.
Miglionico 6 Non attentissimo quando i nerazzurri attaccano, svetta bene di testa nel secondo tempo. 
Tomovic 6 Si fa infilare dappertutto nel primo tempo, grande prova nella ripresa.
Cuadrado 6 Ci prova da fuori in un paio di circostanze, efficace anche in fase di copertura.
Giacomazzi 6,5 Si fa trovare pronto al limite dell’area siglando il gol vittoria.
> dal 78′ Obodo sv
Blasi 6 Si apposta in copertura davanti alla difesa.
Olivera 5,5 Sbaglia numerose soluzioni in mezzo al campo, si adatta meglio nel secondo tempo.
Brivio 6,5 Fatica nei ripiegamento difensivi nel primo tempo, grande prova di corsa nella ripresa.
Muriel 6  Brucia Samuel al 20′ sfiorando il vantaggio, mette in apprensione la difesa interista.
> dal 71′ Seferovic 6 Tiene qualche buon pallone in avanti.
Di Michele 6 Cerca la posizione tra le linee, sfiora il raddoppio allo scadere.

Cosmi 7 Grande partita di sofferenza nel primo tempo, quasi ordinaria amministrazione nella ripresa nonostante le prodezze del portiere Benussi.

 

Arbitro Banti e assistenti 6 Giusto il gol annullato a Cambiasso nel secondo tempo con l’argentino in fuorigioco, come quello annullato a Milito sempre per off-side; non ravvisati un paio di corner evidenti ai nerazzurri. Da rivedere la decisione dei 4′ di recupero nella ripresa visti le numerose interruzioni.

 

Giacomo Indiveri