Inter > Inter News > Inter, Moratti: “Molte assenze, ma una partita così non si fa”

Inter, Moratti: “Molte assenze, ma una partita così non si fa”

Massimo Moratti - Getty Images

INTER, MORATTI ROMA PRIMAVERA / VIAREGGIO – La pesante sconfitta subita ieri a Roma è davvero difficile da digerire. Il presidente Massimo Moratti prova a farlo seguendo la squadra Primavera nella partita di esordio del Torneo di Viareggio: “Visto lo zero di ieri basta pochissimo per avere soddisfazioni, ma a parte questo era giusto venire a vedere questi ragazzi perchè stanno facendo benissimo – dichiara il numero uno dell’Inter ai microfoni di ‘Rai Sport’ prima di commentare gli ultimi risultati negativi – Se sapessi come si spiega questo momento non sarebbe nemmeno successo… Ma sono state tre partite diverse: col Lecce ci siamo mangiati dieci gol, col Palermo era già vinta, mentre ieri la squadra è entrata in campo pensando che l’arbitro fischiasse subito perchè era l’unica soluzione. Ovviamente è stata la sconfitta più preoccupante, bisogna capire in fretta cosa non va e ripartire subito perchè non abbiamo tempo da perdere, contro la Roma c’erano molte assenze, ma una partita così non si fa. Qualcuno deve rendersi conto che il campionato non è finito e quindi deve metterci l’anima perchè bisogna fare ancora molto bene. Rifondazione? Ne sento parlare sin dal 2010 quando abbiamo vinto tutto, ma è un discorso che non riguarda l’Inter”.

INTER PRIMAVERA – Campione in carica, l’Inter Primavera ha aperto la nuova edizione del Torneo di Viareggio contro i belgi dell’Anderlecht: “Ho visto un po’ di emozione per l’inizio, ma questa squadra ha caratteristiche valide per far bene – dichiara Moratti all’intervallo sul punteggio di 0-0 – La società è da sempre attenta ai giovani, procedendo ad acquisti per rinforzare la squadra con buoni risultati visto che ogni anno uno o due giocatori finiscono nella rosa titolare e altri vanni in giro per l’Italia. Stramaccioni? E’ un tecnico con grandi qualità anche se nel calcio c’è bisogno di dimostrarlo continuamente: i ragazzi sono fortunati ad averlo come allenatore e tra l’altro le soddisfazioni le stiamo ottenendo anche con i tecnici delle giovanili, basti pensare a quello che sta facendo Pea con il Sassuolo”.

M.R.