Inter > Inter News > Inter-Atalanta, Ranieri imbattuto in casa contro i bergamaschi

Inter-Atalanta, Ranieri imbattuto in casa contro i bergamaschi

Claudio Ranieri - Getty Images

STATISTICHE INTER-ATALANTA / MILANO – Sono 51 i precedenti in Serie A giocati a San Siro tra Inter e Atalanta, con il bilancio nettamente a favore dei milanesi (37 vittorie, 7 pareggi e 7 sconfitte) che hanno vinto gli ultimi sei incontri consecutivi in casa contro i bergamaschi (3-1 due stagioni fa: vantaggio di Tiribocchi, poi reti di Milito, Mariga e Chivu). L’ultima vittoria dell’Atalanta al ‘Meazza’ invece è datata 7 aprile 2002, quando gli orobici si imposero per 1-2 (di Sala e Beretta le reti, gol dell’Inter di Vieri). Per vedere un pareggio tra le due compagini bisogna andare alla stagione 1991-92, con il risultato di 0-0.

In questa stagione, sono 7 i punti di distacco tra Inter (7^ con 40 punti) e Atalanta (12^ con 33 punti, 6 punti di penalizzazione). La squadra di Ranieri, con al passivo 5 sconfitte interne, rischia di eguagliare il record di 6 sconfitte raggiunto nella stagione 1955-56. Poco più di un punto a partita la media degli orobici lontano dallo stadio ‘Azzurri d’Italia’, rimediando 15 punti in 13 trasferte (3 vittorie, 6 pareggi, 4 sconfitte); la squadra del tecnico Colantuono ha rimediato 2 pareggi consecutivi a reti bianche (a Novara e Udine) mantendendo l’inviolabilità della rete per 214′. L’ultimo gol subito è di Budan del Palermo, mentre l’ultimo realizzato è dell’argentino Maxi Moralez sempre nella gara contro i rosanero perso 2-1 il 5 febbraio. 

Otto i precedenti casalinghi del tecnico interista Claudio Ranieri contro l’Atalanta, raccogliendo 5 vittorie e 3 pareggi. Proprio i bergamaschi furono artefici del penulitimo esonero, prima di Roma, sulla panchina della Juventus nella stagione 2008-09 dopo un 2-2 al ‘Comunale’ di Torino; il nerazzurro bergamasco sorride però al tecnico testaccino, che guadagnò il suo primo trofeo italiano contro l’Atalanta nel 1996, vincendo la Coppa Italia sulla panchina della Fiorentina.

 

Giacomo Indiveri