Inter > Inter News > Inter, Paolillo: “Stramaccioni ha talento. Stadio di proprietà e Fair Play Finanziario…”

Inter, Paolillo: “Stramaccioni ha talento. Stadio di proprietà e Fair Play Finanziario…”

Ernesto Paolillo - Getty Images

INTER, PARLA ERNESTO PAOLILLO / ROMA – L’arrivo di Andrea Stramaccioni ha riportato entusiasmo all’ambiente e alla dirigenza dell’Inter. Su tutti, il più felice è l’amministratore delegato della società nerazzurra, Ernesto Paolillo: “Il mister ha talento – ha dichiarato a ‘Radio Manà Manà Sport’ – Ha dimostrato tutta la sua bravura con la Primavera. Per le altre valutazioni ci penserà la società, sono convinto che lui riuscirà a imporsi anche in prima squadra“. Tema caldo resta sempre quello sul Fair Play Finanziario, una manna dal cielo secondo Paolillo: “Permetterà di sistemare molte cose nel mondo del calcio. Sono completamente d’accordo con Platini – ha evidenziato l’amministratore delegato nerazzurro – molto presto verranno definite e approvate le sanzioni per quei club che non rispetteranno tali regole”. Il calcio italiano è lontano anni luce da quello di Spagna, Germania e Inghilterra: “Il nostro business è di basso livello rispetto a quello degli altri Paesi europei. La cosa che manca di più ai nostri club sono gli stadi di proprietà – ha sottolineato Paolillo – Essi potrebbero arricchire di molto le società, soprattutto per ciò che concerne gli introiti in bilancio“. Restando sull’argomento, Guardiola mercoledì sera – dopo la sfida di Champions tra Milan e Bracellona – ha denunciato la penosità del manto erboso dello stadio ‘Meazza’: “Dobbiamo risolvere il pima possibile questa situazione. Ci siederemo a un tavolo con il Milan per discutere di questo caso spinoso, analizzeremo con degli esperti quale potrà essere la soluzione migliore”. L’idea di uno stadio tutto per l’Inter?La società è disposta a fare tutto – ha dichiarato Paolillo – Prima però, bisognerà sapere con certezza se la ‘Legge sugli stadi’ potrà effettivamente consentirci l’uso commerciale di un impianto. Solamente dopo si potrebbe creare un’idea di business diversada quella attuale”.

 

Raffaele Amato