Inter > Inter News > Mercato Inter, da Lucio a Ranocchia: una difesa da (re)inventare

Mercato Inter, da Lucio a Ranocchia: una difesa da (re)inventare

Lucio (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER LUCIO RANOCCHIA DIFESA / MILANO – Chiuso il campionato, si apre il calciomercato. Tra notizie vere o presunte tali, e altre puramente inventate, la campagna acquisti dell’Inter partirà di pari passo con quella delle cessioni. L’arrivo di nuovi giocatori avverrà solo dopo l’addio di alcuni elementi della rosa a disposizione del tecnico Stramaccioni. Quasi certa la conferma di Julio Cesar tra i pali, con Castellazzi – ha appena rinnovato per altri due anni – pronto a fare il secondo o al massimo il terzo portiere, nel caso alla Pinetina dovesse ritornare il giovane Bardi (Viviano non vuole fare il dodicesimo, ndr). Nel reparto difensivo tanti dubbi, unica certezza l’addio di Cordoba, che, come noto, ha appeso le scarpine al chiodo dopo tredici stagioni di onesta militanza nell’Inter.

LUCIO – Quella del brasiliano è una delle situazioni più ingarbugliate: forte di un contratto per altre due stagioni, Lucio è comunque richiesto in Francia dal Paris Saint Germain, alla ricerca di un giocatore di grande esperienza per il ritorno in Champions League. Qualche interesse anche dal Brasile, anche se la volontà del verdeoro pare sia quella di rispettare l’accordo con l’Inter e far parte anche nella prossima stagione della squadra di Stramaccioni. Solo un’offerta sostanziosa, sia al giocatore che al club nerazzurro, potrebbe sancire il divorzio anticipato.

RANOCCHIA – Determinante per il futuro del giovane difensore sarà la sua voglia o meno di tornare a essere protagonista con una maglia da titolare. L’Inter, stando ad alcune indiscrezioni, lo ritiene giustamente incedibile, ma le vie nel calciomercato sono infinite. E’ richiesto dal Manchester City – per uno scambio alla pari con Kolarov – e dal Napoli, che lo vorrebbe come contropartita nell’affare Lavezzi. Ranocchia, a meno di clamorosi ripensamenti di Moratti, dovrebbe restare all’Inter, e diventare il perno centrale della difesa del futuro.

MAICON – Contratto fino al 2013, 31 anni da compiere il prossimo luglio e una stagione costellata da più bassi che alti: tre indizi che fanno una prova. Il Colosso è destinato a restare anche il prossimo anno, anzi forse per altre stagioni, visto che c’è chi parla di un rinnovo del contratto ormai in dirittura d’arrivo (fino al 2014, ndr). Per Maicon vale lo stesso discorso fatto per Lucio: solo con una buona offerta potrebbe partire, altrimenti l’addio sarà rimandato a data da destinarsi. Stramaccioni lo ritiene un punto fermo della sua squadra, nemmeno l’arrivo eventuale di Isla potrebbe scalfire la sua inamovibilità dalla Pinetina.

CHIVU – Il rumeno è, fra tutti i difensori, l’indiziato numero uno a partire: il rinnovo del contratto proposto dall’Inter pare non lo soddisfi, tanto che una risposta in tal senso ancora non è stata recapitata alla società nerazzurra. Chivu è tentato forse da un’esperienza all’estero, in una squadra che gli consenta di giocare nel ruolo a lui più congeniale, ossia da difensore centrale. La prossima settimana sarà decisiva per capire le sue reali intenzioni.

FARAONI E JUAN JESUS – Il primo, utilizzato a gettoni da Ranieri nello scorso mese di gennaio, il secondo ha esordito solamente domenica negli ultimi secondi della gara persa contro la squadra biancoceleste allenata da Reja. Le posizioni di Faraoni e di Juan Jesus sono assai chiare: l’Inter, a quanto sembra, è disposta a privarsene, anche se per il brasiliano solo con la formula del prestito. Il giovane di Bracciano, strappato a costo zero alla Lazio alcuni anni fa, è sul mercato: offerto al Napoli come contropartita per Lavezzi, Faraoni, comunque vada, è destinato a partire.

SAMUEL E NAGATOMO – L’argentino e il giapponese sono gli unici certi di restare: the Wall e Yuto sono freschi di rinnovo di contratto, rappresentano il presente e il futuro dell’Inter.

 

Raffaele Amato