Inter > Inter News > Mercato Inter, Ausilio: “Seguiamo Giovinco, non cediamo Longo. E su Destro…”

Mercato Inter, Ausilio: “Seguiamo Giovinco, non cediamo Longo. E su Destro…”

Sebastian Giovinco (Getty Images)


MERCATO INTER, AUSILIO SU GIOVINCO LONGO DESTRO / MILANO – Intervenuto ai microfoni di ‘SkySport’, il direttore sportivo nerazzurro Piero Ausilio ha commentato le strategie di mercato dell’Inter per quanto riguarda il reparto offensivo, a partire dal bomber della Primavera Samuele Longo: “Il suo è stato un percorso un po’ complicato: è andato per un paio d’anni in prestito, prima al Piacenza, poi in compartecipazione al Genoa perchè non riusciva a trovare spazio da noi, avendo davanti c’era gente come Destro e Balotelli. È un ragazzo che farà strada. L’Inter della sua metà del giocatore non se ne priva assolutamente, questo è chiaro e lo sa anche Preziosi: c’è la volontà di restare al 50% almeno per la prossima stagione. C’è grande voglia di puntare su questo ragazzo, poi sarà con calma e con la giusta programmazione che decideremo il suo futuro”.

GIOVINCO – I tifosi nerazzurri sognano un grande sgarbo alla Juventus: soffiare ai bianconeri Sebastiano Giovinco: “Il nostro non è un interesse, c’è stato un sondaggio con il Parma – spiega Ausilio – È sicuramente un ottimo giocatore, cresciuto tantissimo negli ultimi anni: lo stiamo seguendo, vedremo nei prossimi giorni, ma non mi sento di parlare di un interesse più concreto per lui rispetto ad altri”.

DESTRO – In dirittura d’arrivo sembra invece la trattativa per Mattia Destro: “Ha fatto bene al Siena: la sua è stata una stagione sicuramente positiva. Non è stato né perso né abbandonato dall’Inter, ma ci sono delle operazioni di mercato che in un certo momento storico sono da fare ed è stato giusto fare, Come ad esempio Bonucci e Bolzoni ceduti al Genoa per arrivare a gente come Milito e Thiago Motta, con i quali poi abbiamo vinto il Triplete – continua il ds nerazzurro – Destro è stato sacrificato per la causa di Ranocchia, adesso vedremo: se ci saranno le condizioni economiche e tecniche per pensare ancora a un suo futuro all’Inter“.