Inter > Inter News > Calciomercato Inter, Moratti sicuro: “Vinceremo con i giovani”

Calciomercato Inter, Moratti sicuro: “Vinceremo con i giovani”

Massimo Moratti - Getty Images

CALCIOMERCATO INTER MASSIMO MORATTI FUTURO GIOVANI / MILANO – Raccogliere tutto in un calderone, e poi gettare via. Dimenticare il passato, i successi, il trionfo di Madrid, José Mourinho e così via. Massimo Moratti ha voglia di cambiare la sua Inter. Obbligato forse dalle circostanze, dalle difficoltà economiche e tecniche della società e del calcio italiano nel suo complesso. Una rivoluzione difficile, piena di ostacoli, alcuni insormontabili, ma non per questo non attuabile. Ci vorrà più tempo del previsto, come d’altronde bisognerà aspettare un bel po’ per ritornare a vedere l’Inter vincere. Per poter salire sul più alto gradino del piodo ci vorrà una programmazione e una fiducia totale, verso i nuovi giocatori che arriveranno (e quelli che già ci sono) e nei confronti di Stramaccioni. Il tecnico è la pietra miliare del nuovo corso, ma, anche per lui non sarà un’impresa facile, tutt’altro. Da chi ha talento e dal proprio vivaio, ecco i punti di partenza della nuova Inter: “Vinceremo con i giovani – come riporta ‘La Gazzetta dello Sport’ – I successi del futuro si potranno ottenere con il nostro settore giovanile“. Come dire, se non puoi arrivare a un campione sul mercato, il grande giocatore devi costruirtelo in casa. E’ così facendo che sono arrivati i successi del Barcellona in Europa, anche, se a onor del vero, il club blaugrana ogni estate spende fra i 60-70 milioni di euro in sede di campagna acquisti. Il calciomercato nerazzurro ora è bloccato, fermo al solo arrivo di Palacio: “Le nostre disponibilità economiche dipendono molto dalla nostra capacità di vendere“, ha ribadito Moratti. Piazzare giocatori in avanti con l’età, e con un ingaggio alto non è facile per nessuno, tantomeno per il dt Branca. Però, contratti importanti e pluriennali a giocatori ultratrentenni sono stati siglati dalla stessa società nerazzurra, mica da un pincopallino qualsiasi. Il club ha le proprie colpe, e fino a ora le sta pagando tutte. Come giusto che sia. I fatti sono questi: per ora, l’Inter non compra, spera prima di vendere quei giocatori che non rientrano più nei piani tecnico-tattici, oltre che economici. Un immobilismo forzato. Questa situazione dovrà essere da monito a Moratti per il futuro. Per le strategie future, soprattutto.

 

Raffaele Amato