Inter > Inter News > Europa League, Inter-Vaslui conferenza Stramaccioni: “Ci stiamo preparando con attenzione…”

Europa League, Inter-Vaslui conferenza Stramaccioni: “Ci stiamo preparando con attenzione…”

Andrea Stramaccioni (Getty Images)

INTER-VASLUI CONFERENZA STRAMACCIONI / APPIANO GENTILE – In vista della gara di ritorno di domani sera contro il Vaslui nello spareggio di Europa League (2-0 per i nerazzurri all’andata in Romania), il tecnico dell’Inter Andrea Stramaccioniparla in sala stampa della sfida contro i rumeni: “Stiamo preparando la sfida di domani con grande attenzione – afferma l’allenatore romano – La qualificazione è importantissima per noi perché l’Inter deve restare in Europa. La nostra idea è comunque di parlare poco, siamo contenti di essere partiti bene ma abbiamo tanto da lavorare, ora pensiamo solo a qualificarci. Turn over? Per capire il centrocampo che potro’ schierare, dovro’ capire chi far riposare, siamo in emergenza in mezzo al campo e, notizia di poco fa, Nagatomo ha la febbre”. Obiettivo evitare figuracce come contro l’Hajduk a San Siro: “Contro i croati probabilmente non avevamo troppa fame, non aver trovato il gol mi ha infastidito, abbiamo sbagliato troppo sotto porta. Il Vaslui è in forma, ha battuto lo Steaua in campionato e di non competitivo ha soltanto il nome, abbiamo visto nella gara di andata le difficoltà che ci ha creato, ma vogliamo fare bene davanti al nostro pubblico“. Dovere di vincere l’Europa League? Fateci prima qualificare, siamo per la politica dei piccoli passi”.

Una battuta anche sull’addio di Julio Cesar: “Credo sia una cosa bellissima che saluti i tifosi nerazzurri, dopo le immagini indelebili che ci ha regalato;  è uno di quei giocatori a cui devo dire grazie. A volte le scelte societarie prescindono anche da certi legami”. Sull’inserimento di Cassano: “Si è inserito cosi’ bene nel gruppo Inter perchè aveva già dei buoni rapporti con alcuni giocatori. Domani lui titolare? L’attacco è l’unico reparto in cui, incrociando le dita, avrò tutti a disposizione”.

 

Giacomo Indiveri