Inter > calciomercato Inter > Mercato Inter, confronto tra spese ed entrate: Guarin il più costoso

Mercato Inter, confronto tra spese ed entrate: Guarin il più costoso

Fredy Guarin

CALCIOMERCATO INTER SPESE ED ENTRATE AFFARE GUARIN / MILANO – Il saldo parla chiaro: è in rosso. Nessuno ne resterà sorpreso. Il mercato dell’Inter si è chiuso con l’acquisto di Alvaro Pereira, qualche giorno prima della chiusura ufficiale. Il tanto chiacchierato vice-Milito non è arrivato. Né il sostituto di Maicon. In questa campagna acquisti, la società nerazzurra ha speso circa 46 milioni di euro. Non tutti cash, ovviamente. Come routine in Italia (accade anche all’estero con meno frequenza). Pagamenti pluriennali (quasi un mutuo), prestiti con riscatto. Non obbligatorio, perché non esiste nessuna regola che costringa un club a riscattare ‘per forza’ il cartellino di un giocatore.

L’operazione in entrata più onerosa è stata quella riguardante Fredy Guarin. Al Porto, ben 11 milioni di euro (più 3 versati a gennaio). Investimento di grossa natura, visti i tempi. Non meno dispendioso, quello per il sopracitato laterale uruguaiano. Anche lui dal club portoghese. Dieci milioni di euro la cifra, più 4 di bonus. Senza dimenticare gli altri acquisti, tra cui quello di Palacio: 10 milioni la cifra circolata. Forse molto meno. Nell’operazione col Genoa, sarebbero infatti rientrate le comproprietà di qualche giovane giocatore.

Capitolo cessioni: quelle degne di nota, a costo zero. Ovvero, partenze dopo rescissioni consensuali (Julio Cesar, Lucio, Forlan). Che avranno generato, comunque, delle spese accessorie. Tipo, il versamento di una buonuscita. In parole povere, una liquidazione. Quelle di Pazzini e Pandev le più vantaggiose. Non meno, il ricavato della vendita di Castaignos al Twente, o di Maicon al Manchester City. Tutte, fra i sei e i sette milioni. Pochissimo rispetto ad anni fa. Conti ancora da sistemare, il monte ingaggi in particolare. Sceso negli ultimi due anni, al pari dei risultati sportivi. Il problema, non è pagare ‘fior di milioni’ i campioni, bensì giocatori dal rendimento altalenante. Non da Inter.

 

Raffaele Amato