Inter > Inter News > Milan-Inter, Handanovic: “Derby indecifrabile. Julio Cesar? Ho una grande responsabilità”

Milan-Inter, Handanovic: “Derby indecifrabile. Julio Cesar? Ho una grande responsabilità”

Samir Handanovic (Getty Images)

MILAN-INTER HANDANOVIC / MILANO – Che il derby della ‘Madunina‘ non sia una gara come tutte le altre è senza dubbio scontato. Lo è per i tifosi, per l’ambiente nerazzurro e per chi è da poco a far parte dei colori della beneamata. Per Samir Handanovic sarà il primo Milan-Inter, la prima volta da portiere dell’Inter che nelle ultime stagione ha visto Julio Cesar indiscusso protagonista. Il portierone sloveno ha già ben capito la caratura della gara, come lui stesso ammette nell’intervista rilasciata al ‘Corriere della Sera’, nella quale si parla  di derby e non solo: “Conosco bene la tradizione dei portieri nerazzurri. Di certo non è un peso, semmai il piacere di avere una grande responsabilità. Uno stimolo in più per fare bene, sapendo bene che cosa significa giocare nell’Inter. Ho lavorato molto per arrivare in un club di primissimo livello, adesso devo lavorare tantissimo per vincere con l’Inter. San Siro è sempre stato un palcoscenico emozionante, ora avverto un altro tipo di emozione. Perché mi ispiro a Schmeichel? E’ stato un portiere di grande tecnica e di fortissima personalità, due qualità che servono per fare la differenza”.

AVVIO DI STAGIONE E DERBY – L’inizio di stagione non è stato dei migliori, ma adesso sembrano arrivare buoni segni di ripresa: “Le vittorie su Chievo e Fiorentina sono stati due momenti molto importanti della nostra stagione, un buon punto di partenza, perché abbiamo cambiato mentalità e passo. Ho visto l’Inter giusta, nel senso che abbiamo capito se si può vincere soltanto giocando con grande spirito di sacrificio e da squadra”. Intanto arriva il derby: “Era e resta una partita speciale. E non è un modo di dire, semmai la verità. Al Milan abbiamo cominciato a pensarci da ieri. E’ una partita che non riesco ancora a decifrare. Sono curioso anch’io di capire che tipo di gara verrà fuori”.

Luigi Perruccio