Inter > Inter News > Calciomercato Inter, le strategie: tre partenze per tre rinforzi

Calciomercato Inter, le strategie: tre partenze per tre rinforzi

Jonathan (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER STRATEGIE CESSIONI ACQUISTI / TORINO – Vendere e poi acquistare. La nuova legge del calcio italiano, alla quale non ha potuto opporsi l’Inter di Moratti. E’ già da quattro sessioni di mercato che la società nerazzurra opera in tal modo, raggranellando gruzzoletti qua e là prima di investire denaro liquido e non su rinforzi più o meno utili alla causa. La rosa di Stramaccioni è vasta, zeppa di fantasisti e lacunosa in tutti e tre i reparti. Per riempire le caselle mancanti, la dirigenza nerazzurra dovrà necessariamente liberarsi di almeno tre calciatori. Il primo della lista è sicuramente Jonathan, acquistato nell’estate scorsa da Branca per circa 5 milioni di euro dal Santos. Il brasiliano ha profondamente deluso le attese, rivelandosi un vero autentico flop, eccezion fatta per qualche buona partita disputata nella sua breve esperienza in prestito – dal gennaio scorso fino al termine della stagione – in quel di Parma. Il valore del suo cartellino è sicuramente calato, ma per una sua eventuale cessione bisognerà che si abbassi il suo stipendio, al netto di circa 1,2 milioni di euro (fonte ‘Tuttosport’). Situazione analoga è quella di Mariga, ai box da cinque mesi. Anche il keniano ha un ingaggio alto, circa due milioni lordi, ma forse più mercato rispetto al verdeamarelo. Più mercato, ma zero offerte per Silvestre, acquistato quest’estate dal Palermo per una cifra attorno ai 9 milioni. Accantonato da Strama, l’argentino potrebbe fuggire da Milano già a gennaio, magari volando in Spagna, dove ad attenderlo potrebbe esserci l’ex mentore Diego Simeone. Tre cessioni, più una. Parliamo di Dejan Stankovic. Il serbo, fuori dopo il nuovo intervento al tendine d’Achille, ha detto e ridetto più volte di voler restare a vita all’Inter, volontà per altro non ostacolata dalla stessa società. Però in caso di qualche offerta dagli Stati Uniti, il centrocampista potrebbe seriamente cambiare idea, anche se tale proposta dovrebbe quantomeno avvicinarsi al suo stipendio in nerazzurro (3,5 milioni netti fino al 2014). Dalle partenze agli arrivi. Probabili, però. Nulla di certo, ma gli obiettivi in entrata sono abbastanza chiari: Paulinho, un vice-Milito (Bergessio?) e un laterale destro. Basta o Jung.

 

Raffaele Amato