Inter > Inter News > Siena-Inter 3-1, Stramaccioni: “Ci metto la faccia: terzo posto possibile. Sull’arbitro…”

Siena-Inter 3-1, Stramaccioni: “Ci metto la faccia: terzo posto possibile. Sull’arbitro…”

Andrea Stramaccioni - Getty Images

SIENA-INTER 3-1, PARLA STRAMACCIONI / SIENA – Altra pesante sconfitta per l’Inter che prosegue la sua striscia negativa lontano da San Siro dove non vince da tre mesi. Ai microfoni di ‘SkySport’ il tecnico nerazzurro Andrea Stramaccioni commenta così la partita persa col Siena: “Brutta sconfitta, ma non mi è mai piaciuto e mai troverò alibi. Fa rabbia perdere così, ma è un campionato particolare e nonostante il passo falso siamo lì a tre punti dal terzo posto. Io ci metto la faccia e resto convinto che possiamo centrare il nostro obiettivo. Dobbiamo ritrovare l’Inter che arrivò ad un punto dalla capolista: siamo sempre noi, ma in questi momenti mi conforta il fatto che anche in 10 la squadra non ha mollato e ha dato tutto fino alla fine, quando invece poteva ‘sbracare’. La rosa è competitiva e possiamo farcela. I nuovi arrivi? Lasciamoli stare, hanno fatto pochi allenamenti e chi più chi meno hanno fatto il loro. Abbiamo perso una brutta partita e basta. Non voglio mollare un centimetro e i ragazzi nemmeno. Variazioni tattiche? No, l’Inter è questa: sono arrivati altri due centrocampisti, alcuni sono fuori. Dobbiamo girare il trend, è ancora molto lunga. Da questa partita troveremo la chiave per ripartire già da domenica. Non eravamo partiti male, dopo il pareggio pensavo che l’inerzia fosse dalla nostra. E invece Sestu ha fatto un gol bellissimo e abbiamo accusato il colpo, poi il rigore ed espulsione a inizio ripresa hanno chiuso la partita. Errori arbitrali? Il primo gol mi sembrava fuorigioco: potrei anche parlare del rigore e della traversa di Cassano, ma non voglio commentare gli episodi. Sarà un caso, ma da fine ottobre contro la Sampdoria non ci danno un rigore a favore,  ma non voglio fare polemica. Siamo ad un bivio: o piangi e ti rammarichi, oppure volti pagina e vai avanti”.

M.R.