Inter > Inter News > Inter-Milan, Allegri: “Nerazzurri avvelenati e aggressivi, ma noi…”

Inter-Milan, Allegri: “Nerazzurri avvelenati e aggressivi, ma noi…”

Massimiliano Allegri - Getty Images

INTER-MILAN DERBY DELLA MADUNINA ALLEGRI / MILANO – Sei derby disputati, tre vittorie e tre sconfitte, ed un settimo alle porte. Massimiliano Allegri si prepara alla stracittadina di domani sera contro l’Inter di Stramaccioni. Lo fa nel miglior momento del suo Milan, dopo la vittoria sul Barcellona, e di sicuro nel momento peggiore dei nerazzurri: “Contro il Barcellona è stata una bella serata, merito dei ragazzi che hanno fatto una grande partita – afferma Allegria ai microfoni di Milan Channel – ma ora c’è il derby con l’Inter che è molto più importante. Ne abbiamo persi tre di fila e dobbiamo  fare risultato per tenerli dietro. Saranno avvelenati e aggressivi, cercheranno di riscattare la sconfitta di Firenze. Sarà diverso rispetto a mercoledì. I ragazzi hanno recuperato e chi non ha giocato darà una mano a chi ha consumato energia. La formazione? Ho qualche dubbio.

GARA SENZA PRONOSTICI, BALOTELLI E RANOCCHIA – Una gara, quella di domani sera, che sarà aperta a qualsiasi risultato: “Avevo iniziato la mia avventura con i derby abbastanza bene, con tre successi. Spero che domani i ragazzi mi regalino un’altra soddisfazione. Ciò che conta è allungare la striscia positiva. E’ normale che sia una partita emotiva. Sarà diversa a livello tattico e tecnico. Dovremo interpretarla bene durante la sfida stessa. Domani vedremo una bella partita agonisticamente, magari meno tecnicamente. Ci vorrà un’attenzione particolare: la posta in palio è molto alta. l derby è una partita a sé, non c’è mai pronostico. Non ci sono favoriti e sfavoriti”. Capitolo Balotelli:”Lui sa domani cosa lo aspetta. E’ un banco di prova per lui”. Intanto l’Inter potrebbe perdere Andrea Ranocchia: “Non so se giocherà. Lui ha qualità importanti, ma se non ci sarà toccherà a un altro. L’Inter ha una rosa vasta. Tra l’altro loro sono più esperti di noi ed hanno uomini che possono risolvere la partita da soli: da Cassano a Guarin a Cambiasso“.

Luigi Perruccio