Inter > calciomercato Inter > Mercato, obiettivo Sanchez: ecco l’Inter chi deve temere

Mercato, obiettivo Sanchez: ecco l’Inter chi deve temere

Alexis Sanchez (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER OBIETTIVO SANCHEZ JUVENTUS / MILANO – Attaccante raffinato, velocità e dribbling congeniali con la concretezza e l’astuzia di Icardi, promesso sposo nel mercato estivo. Alexis Sanchez è in cima alla lista dei desideri nerazzurri, Stramaccioni o chi per lui, non avrebbe alcun problema a integrare il folletto cileno nel futuro scacchiere tattico: 4-2-3-1, 4-3-3, 4-3-1-2 o persino 3-5-2. Con qualsiasi modulo non ci sarebbero problemi visto le notevoli qualità del bluagrana, propenso a lasciare la Catalogna il prossimo mese di giugno. L’Inter ha una carta da giocare per convincerlo a sposare il progetto: il blasone. Due, se riuscirà a raggiungere la Champions League. Poi ci sarà da limare domanda e offerta: l’ex Udinese percepisce circa 4 milioni netti. Troppi per il ‘Biscione’ ridimensionato: a 3 milioni, con l’aggiunta degli ormai classici bonus, la stretta di mano sarebbe molto più possibile. Trovata l’intesa, resterà per la dirigenza la parte più difficile: persuadere il Barcellona, per ora non in aria da regali di primavera.

Prestito con riscatto, o pagamento dilazionato in più anni. La sostanza non cambierebbe, 18-20 milioni il prezzo del suo cartellino, quasi impossibile scendere al di sotto di questa soglia. Ma l’Inter, in questi mesi, dovrà stare molto attenta alla Juventus, vera antagonista per l’arrivo dell’agognato Sanchez. I bianconeri sono alla ricerca, spasmodica e da oltre due anni, di un super attaccante, che non è, e non sarà certamente Llorente, acquistato a costo zero. El Niño Maravilla ha il curriculum giusto, uno stipendio e un costo non eccessivi. In più, la società degli Agnelli potrebbe offrire fin da subito, senza aspettare lo scadere della stagione, il prestigio della Champions League, e di conseguenza maggior dané per il già ricco conto in banca del sudamericano. E non è poco, nel calcio di oggi.

 

Raffaele Amato