Inter > Inter News > Mercato Inter: Julio Cesar come Meazza e Ronaldo

Mercato Inter: Julio Cesar come Meazza e Ronaldo

Julio Cesar (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER JULIO CESAR MILAN FUTURO / MILANO – Peppino Meazza al termine della sua leggendaria carriera ammise con profondo dispiacere: “In tutti questi anni ho commesso un unico grande errore: trasferirmi al Milan“. El Folber scrisse la storia dell’Inter, fu preso dal club nerazzurro all’età di 14 anni, dopo che fu scartato, causa fisico troppo mingherlino, proprio dai rossoneri. Con la maglia del ‘diavolo’ non fu più lui: stessa sorte toccò molti anni più tardi a Ronaldo. Passato glorioso e sfortunato con la maglia della ‘Beneamata’: una coppa Uefa nel 1998, e un paio di scudetti persi per molteplici motivi. Poi Real Madrid, e infine il ritorno a Milano. Sulla sponda sbagliata, ragionarono allora i tifosi interisti: al Milan. Traditore, figlio d’un cane, grasso: quante gliene dissero al ‘Fenomeno, che poi ebbe tempo addirittura di segnare ed esultare proprio in un derby, proprio contro la sua vecchia Inter.

Di passaggi e contropassaggi da una squadra all’altra della stessa città se ne potrebbero citare a centinaia, illustri o meno. Non c’è da meravigliarsi, in fondo, se il tanto caro ex portiere nerazzurro, il famoso Julio Cesar, protagonista assoluto nel memorabile ‘Triplete’, decida di far ritorno nella città che ha tanto amato, ma nel club che lo ha sempre ‘odiato‘, sporivamente parlando, per terminare, cercando gloria e denaro, la sua strepitosa carriera.

Notizia di oggi, tremenda, forse, per i sostenitori della ‘Beneamata’ deboli di cuore e di spirito: il brasiliano, che ha pianto a dirotto nel giorno dell’addio, a giugno passerà al Milan. Per il ‘Corriere della Sera’ sarebbe tutto fatto: Galliani avrebbe raggiunto una bozza di accordo con il verde-amarelo, ora di casa a Londra (Qpr, ndr). A fine stagione L’Acchiappasogni riabbraccerà l’Italia e Milano. Così è, se vi pare: con tanti saluti all’Inter, e tanti baci alle sue nuove dimore: Milanello e il Milan.

 

Raffaele Amato