Inter > calciomercato Inter > Calciomercato, Guarin-Inter: due assolute certezze

Calciomercato, Guarin-Inter: due assolute certezze

Fredy Guarin (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER GUARIN FUTURO / MILANO – L’incontro avvenuto nella giornata di ieri tra gli agenti di Fredy GuarinFerreyra e il rappresentante del colombiano per l’Italia, ovvero Dozzini – e la dirigenza interista è servito a chiarire quel che era abbastanza chiaro già da alcune settimane, se non addirittura da mesi. La società nerazzurra ha una grande stima per Guarin, il che basta e potrebbe bastare per una sua conferma alla Pinetina anche nella prossima stagione, a precindere da chi sarà il tecnico, seppur con Andrea Stramaccioni il rapporto non sia certamente come quello tra due fidanzatini in riva al mare.

Dipende…
Le offerte, anzi, il tipo di offerte che giungeranno, ma non è certo, in Corso Vittorio Emanuele potranno certamente incidere sul destino umano e professionale del ‘Giaguaro’. La sua è stata una stagione altalenante, come del resto quella della intera squadra, comunque condita da un numero considerevole di gol (10) e assist (11): tante anche le sostituzioni (10). Massimo Moratti è convinto di avere fra le mani un possibile ‘fuorigiri’, da sfruttare eventualmente non solo sul campo ma anche per finanziare la campagna-acquisti, oggi bloccata dopo gli acquisti certificati di tre riserve (Andreolli, Laxalt e Botta) e di due probabili titolari (Campagnaro e Icardi) non solo a causa dell’incerta situazione legata alla panchina, bensì soprattutto alla scarna – a dir poco – disponibilità economica, che tiene a freno qualsivoglia buona intenzione.

Guarin, per concludere, resta un punto fermo dell’Inter che verrà, a patto che non sopraggiungano sul tavolo presidenziale proposte dai 15-18 milioni in su: a quel punto, le strade del colombiano e della ‘Beneamata’ si separerebbero senza troppi rimpianti. Piace a tutte le presunte big del calcio italiano – Napoli, Roma, Milan e Juventus – e in particolare a due società inglesi, ovverosia Tottenham (del suo vecchio mentore Villas Boas) e Liverpool.

 

Raffaele Amato