Inter > Inter News > Inter, Palacio: “Icardi-Belfodil, che acquisti! Con Mazzarri…”

Inter, Palacio: “Icardi-Belfodil, che acquisti! Con Mazzarri…”

INTER PALACIO / PINZOLO – Ventidue gol il primo anno all’Inter. Un bottino importante, ma che non ha permesso alla squadra nerazzurra di entrare in Europa. Adesso si riparte, con nuovi stimoli e un nuovo allenatore: “Dispiace per come sia finita la stagione scorsa. Peccato per i due infortuni che mi hanno impedito di giocare le ultime partite – ha dichiarato Rodrigo Palacio ai microfoni del ‘Corriere dello Sport’ -. Ora dobbiamo ricominciare da zero, il nostro obiettivo sarà lottare per arrivare nelle prime posizioni. Scudetto? Magari, ma l’importante è essere competitivi“. ‘El Trenza’ applaude la società, che si è portata a casa due giocatori come Icardi e Belfodil: “Mi piacciono perché sono giovani e hanno ampi margini di miglioramento – spiega l’attaccante nerazzurro -: sono il presente e il futuro del club. Icardi ha movimento ed elevazione, Belfodil, invece, tecnica e dribbling. E poi, in pieno Ramadam non ha voluto saltare un allenamento”.

La squadra ha cambiato pelle in attacco, ma anche in panchina. C’è Mazzarri, con tante care cose a Stramaccioni: “Mi piace come lavora il tecnico toscano, mai faticato così tanto in ritiro. E’ uomo di grande esperienza, con idee chiare. Parla molto con noi giocatori, spingendoci sempre a migliorare e a dare il massimo. Per noi attaccanti è una fortuna essere allenato da lui. A Napoli è riuscito a costruire una squadra super, con un calcio ad alta intensità. Certo, dispiace per Stramaccioni: lui mi aveva aiutato molto a inserirmi nello spogliatoio, dandomi tanta fiducia. Ma in questo sport i risultati fanno sempre la differenza”. Zero titoli e niente Europa, ma Palacio non si è pentito della scelta Inter: “Io sto bene in questo club, qui c’è una società importante. Ho fatto la scelta migliore, sono fermamente convinto che torneremo a vincere. Spero di fare tanti gol nella prossima stagione. Insieme a Milito? Be’, sarebbe davvero bello”, conclude l’argentino.