Inter > calciomercato Inter > Calciomercato Inter: due strade per l’addio a Kuzmanovic

Calciomercato Inter: due strade per l’addio a Kuzmanovic

Zdravko Kuzmanovic (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER KUZMANOVIC / MILANO – A Firenze era più giovane ed esile. In Germania ha poi completato una maturazione fisica eccessiva, che nel corso della carriera è sfociata generando numerosi infortuni. Ecco spiegata l’involuzione di Zdravko Kuzmanovic, quasi mai in condizione fisiche ottimali, troppo mastodontico e pesante per garantire un po’ di dinamicità al centrocampo dell’Inter, la cui egemonia territoriale è ancora fra i piedi e la testa di Cambiasso, tutto fuorché un velocista.

Dopo appena otto mesi il mediano svizzero, ma naturalizzato serbo, è stato messo alla porta da quella dirigenza che nel gennaio scorso si era spesa (poco) per lui: più di un milione nelle casse dello Stoccarda per strapparlo con anticipo rispetto alla naturale scadenza di contratto, rafforzando (si presumeva, erroneamente) l’allora bistratta rosa di Stramaccioni, tecnico inesperto in una società completamente allo sbando.

Nei mesi estivi il purosangue di Kuzmanovic ha increspato e deluso Walter Mazzarri, che a dire il vero già in origine non era di lui un amante focoso. Qualche partita fuori tono, non meno dei suoi compagni, soprattutto nella tournée negli Stati Uniti, e via alle voci di una prematura ma forse annunciata partenza: era una mezz’ala di buon valore, anche con discreto senso del gol; oggi, invece, è un mediano goffo e impavido, alla ricerca di una nuova e più consona identità.

Quel che è nulla importa all’Inter, figurarsi agli uomini che si occupano di mercato in seno al ‘Biscione’. Un ordine, bisogna venderlo. Preferenze? Una: il Milan. L’appariscente Zdravko vorrebbe restare a Milano, se non si può far nulla per impedire il divorzio dal nerazzurro, meglio allora anticipare i tempi e flirtare con gli odiati rivali: va precisato, le società si amano fra loro, il vero duello cittadino esiste solo fra tifosi.

Nasce così l’idea dello ‘scambio’, in voga fra le parti in causa. Kuzmanovic al Milan, Luca Antonini all’Inter: non da trascurare il nome di Nocerino, fin qui solo un’ipotesi, anche se non molto lontana dalla verità. L’affare farebbe felici e contente le due società, seppur tra i giocatori esista una chiara differenza di età, a vantaggio del diavolo: 26 anni, il serbo; 31, il terzino laterale. Su Kuzmanovic c’è anche il West Ham, che dal mercato italiano vorrebbe prendere due-tre tasselli per provare a salvare la baracca. Ma Londra non è Milano, calcisticamente ed economicamente parlando.