Inter > Inter News > Catania-Inter, Pulvirenti: “Battere i nerazzurri non ha più nulla di clamoroso”

Catania-Inter, Pulvirenti: “Battere i nerazzurri non ha più nulla di clamoroso”

Antonino Pulvirenti - Getty Images

CATANIA-INTER SECONDA GIORNATA PULVIRENTI/ CATANIA  – Cade di domenica il 4 giugno del 1961. A far da padrona, nel mondo del calcio, è la radio. Le Pay Tv ancora distano anni luce, quando su ‘Radio Uno’ va in onda ‘Tutto il calcio minuto per minuto’. La trasmissione viene interrotta dalla celebre voce  di Sandro Ciotti: “Clamoroso al Cibali…”. Il Catania del presidente Massimino si porta sul 2-0 contro l’Inter.

La formazione nerazzurra è seconda in classifica e staccata di due punti dalla Juventus capolista, mentre il Catania, neo promosso in Serie A, era ormai tranquillamente assestato a metà classifica e non aveva più nulla da chiedere al campionato. L’Inter deve ancora recuperare una partita proprio contro la Juventus (rimandata per invasione di campo), e pertanto ancora in corsa scudetto: il risultato della partita sembrava già scritto in partenza, ma i giocatori del Catania non avevano dimenticato la partita di andata, conclusasi sul 5-0 con quattro autoreti dei giocatori etnei, e in particolare le frasi di scherno rivolte nei loro confronti da Herrera, che nelle interviste post-partita li aveva definiti ‘una squadra di postelegrafonici’. La partita si svolse quindi in un clima infuocato, ed il Catania portò a casa la vittoria grazie alle reti di Mario Castellazzi e Salvador Canavese.

Quel clamoroso al Cibali non ci sarà più, almeno per il nuovo Catania del presidente Pulvirenti. Il patron degli etnei, sicuro dei suoi, snobba i nerazzurri.Vuoi per la vittoria del 2010, contro l’Inter del ‘Triplete’,vuoi per sorpasso in classifica,durante lo scorso campionato, ma per Pulvirenti, come affermato a ‘La Gazzetta dello Sport’, di ‘clamoroso’ non c’è più nulla: “Avendola superata anche nella classifica finale dello scorso campionato, battere l’Inter non avrebbe più nulla di clamoroso ormai. Anche perché ci siamo  riusciti due anni fa. Battere l’Inter ci darebbe i primi tre punti”.

Luigi Perruccio