Inter > Inter News > Inter, Campagnaro: “La Juve non fa paura. Potevo giocare la Champions, ma…”

Inter, Campagnaro: “La Juve non fa paura. Potevo giocare la Champions, ma…”

Hugo Campagnaro (Getty Images)


INTER-JUVE, PARLA CAMPAGNARO
/ MILANO – È arrivato all’Inter in punta di piedi, affrontando lo scetticismo bruciante dei tifosi delusi da un’annata al di sotto delle aspettative. Eppure, Hugo Campagnaro si è guadagnato sin da subito il rispetto di tutti grazie a prestazioni di livello da vero e proprio leader del reparto difensivo. In un’intervista rilasciata al ‘Corriere della Sera’, il 33enne argentino ha parlato del suo ambientamento a Milano e della supersfida che lo vedrà in campo domani contro la Juventus: “Sono qui anche se avrei potuto giocare la Champions, perchè il rinnovo col Napoli stava andando per le lunghe ed ho visto nel rilancio dei nerazzurri una grandissima sfida per la mia carriera. Anche Mazzarri è stato importante per la mia scelta: ormai gioco con lui da sette anni, e posso dire che le cose tra noi vanno sempre meglio, il legame è fortissimo. È un grande allenatore, sa spiegare benissimo quello che pretende da te e con lui la squadra sa sempre cosa fare. Moratti? Lo ringrazio per le sue parole nei miei confronti, il nostro inizio è stato positivo e dobbiamo continuare così”.

DERBY D’ITALIA – “Le motivazioni sono altissime, dal punto di vista nervoso avrei potuto giocarla anche appena sbarcato a Malpensa. Dal punto di vista fisico, invece, c’è ancora tempo per recuperare. La Juventus è una squadra forte, con ricambi di grande qualità: è questa la loro forza. Li rispettiamo, certamente, ma non ci fanno paura. Possiamo dire la nostra, perchè abbiamo fatto una grande partenza e abbiamo dimostrato di avere un buon gioco ed equilibrio. Somiglianze tra l’Inter e la Juve del 2011? Mi sembra affrettato dirlo. Quello che è importante è continuare a crescere e migliorare. Possiamo dare tanto, e i tifosi lo hanno capito: hanno ritrovato la voglia di sostenere l’Inter, durante la partita col Genoa c’era un’atmosfera molto calda”.

A.C.