Inter > Inter News > Inter, rabbia Cambiasso: “C’è rammarico. Tagliavento contro di noi è…”

Inter, rabbia Cambiasso: “C’è rammarico. Tagliavento contro di noi è…”

Esteban Cambiasso (Getty Images)

Esteban Cambiasso (Getty Images)


NAPOLI-INTER CAMBIASSO
/ NAPOLI – Esteban Cambiasso ha analizzato ai microfoni di ‘Inter Channel’ la deludente sconfitta rimediata dai nerazzurri a Napoli. Ecco le parole del centrocampista argentino, questa sera capitano dei suoi: “C’è rammarico perchè abbiamo interpretato bene questa partita. Abbiamo commesso degli errori pesanti, sbagli che contro una squadra come il Napoli si pagano, ma c’è anche da dire che è successo tutto quello che non ci doveva succedere. Molti episodi sono andati dalla loro parte, a volte anche per colpa nostra. Oggi volevamo essere protagonisti, questa sconfitta fa male perchè anche dopo l’espulsione siamo rimasti in partita; volevamo dare un segnale forte dopo le ultime prestazioni negative, ed oggi che abbiamo fatto il nostro dovere abbiamo raccolto poco. Derby? La prima cosa che mi viene in mente è che dovremo preparare questa partita importantissima con un giocatore in meno: l’espulsione di Ricky Alvarez ha condizionato questa gara e condizionerà anche il derby. Noi comunque vogliamo vincere, è una partita speciale e vogliamo prenderci i tre punti. Peccato per l’assenza di Alvarez, ripeto, ma tanto ci siamo abituati”.

A proposito dell’operato dell’arbitro Tagliavento, il ‘Cuchu’ si allinea a Mazzarri e Thohir: “Che cosa mi ha detto l’arbitro? Io non ho capito nemmeno che cosa ha fatto, figuriamoci che cosa mi ha detto. Diciamo così: con noi, lui è sfortunato. Di Tagliavento ricordo Inter-Juventus, ricordo le manette di Mourinho, ricordo Inter-Roma, ricordo la partita di oggi. Abbiamo questa sensazione che lui sia sfortunato quando ce lo troviamo di fronte. C’era rigore su Palacio? Ormai non ci alleniamo nemmeno più sui rigori, tanto abbiamo capito che non ce li fischieranno finchè uno dei nostri giocatori non verrà preso a calci in faccia da almeno tre avversari”.

Alessandro Caltabiano