Inter > Inter News > Lazio-Inter 1-0, le pagelle: Rolando provvidenziale, harakiri Ranocchia

Lazio-Inter 1-0, le pagelle: Rolando provvidenziale, harakiri Ranocchia

Lazio-Inter 1-0 (Getty Images)

Lazio-Inter 1-0 (Getty Images)


LAZIO-INTER PAGELLE /
ROMA – Contro la Lazio di Reja, l’Inter perde 1-0 all’Olimpico, tabù ormai indigesto per Mazzarri. La partita è piuttosto equilibrata e noiosa, con una lunga fase di studio e poche occasioni da entrambe le parti, e alla fine sono i padroni di casa a passare in vantaggio: all’80′ Ranocchia si dimentica Klose, permettendogli di battere in volée Handanovic.

INTER

Handanovic 6 Messo talvolta in difficoltà dai disimpegni sbilenchi dei suoi compagni, riesce a limitare i danni. Nel secondo tempo resta inoperoso fino al gol di Klose, quando riesce solo a sfiorare la palla con le dita.
Ranocchia 4,5 In collaborazione con Jonathan, commette un erroraccio che per poco non costa ai nerazzurri lo svantaggio. Poco preciso anche in fase d’impostazione, spreca troppi palloni regalandoli a Berisha. Regala letteralmente la vittoria alla Lazio permettendo a Klose di segnare a botta sicura il gol della vittoria.
> dal 83′ Zanetti sv
Rolando 6,5 Più sicuro dei suoi compagni di reparto, riesce a tamponare le emergenze intervenendo senza fronzoli. Nel complesso non fa rimpiangere Campagnaro, è il migliore del terzetto arretrato.
Juan Jesus 6 Commette alcune incertezze potenzialmente gravi, seppur riuscendo quasi sempre a rimediarvi lui stesso. Migliora nel secondo tempo: Candreva non riesce mai a saltarlo. Nel finale rischia di regalare il 2-0 a Klose, ma poi riesce a recuperare clamorosamente soffiandogli via il pallone dai piedi.
Jonathan 5,5 Tra i giocatori nerazzurri, è lui quello più in difficoltà. Spesso titubante di fronte agli inserimenti di Lulic, concede troppo spazio sulla sua fascia di competenza.
Kuzmanovic 5,5 Non offre un grande apporto durante la prima frazione di gioco. Sembra più a suo agio a sinistra, dove Mazzarri lo schiera nel secondo tempo; il serbo tocca un maggior numero di palloni, ma le cose non migliorano più di tanto.
> dal 60′ Kovacic 5 Entra per spaccare la partita, ma si dimostra invece troppo impacciato e impreciso: ingabbiato da Onazi, perde due palloni pericolosi a centrocampo e serve male i suoi compagni. Deludente.
Cambiasso 6,5 Lotta su tutti i fronti nei momenti di maggiore difficoltà, e nella fase centrale del match recupera una quantità impressionante di palloni dando il via a numerose ripartenze.
Alvarez 6 Chiamato ad ispirare la manovra nerazzurra con i suoi lampi, va vicino al gol con una bella punizione di sinistro. Nel complesso, però, sembra troppo lento quando è il momento di servire i compagni.
Nagatomo 5,5 In ombra nella prima fase, cercato spesso dai compagni con palloni troppo alti, migliora nella fase centrale del match e sfiora persino il gol di testa. Anche nel secondo tempo crea qualche grattacapo ai biancocelesti; ma nel finale non riesce ad impedire il cross da cui scaturisce il gol di Klose.
Guarin 5,5 Perde qualche pallone di troppo, ma nel complesso aiuta la squadra saltando l’uomo e supportando l’azione offensiva. Nel secondo tempo, spostato da Mazzarri, è quasi impalpabile e a poco a poco si spegne.
> dal 75′ Milito sv
Palacio 5,5 Piuttosto isolato nella prima fase, gli capita una sola occasione nel finale, ma la palla gli arriva in posizione decisamente scomoda e scivola via prima che l’argentino possa colpirla.

Mazzarri 5,5 Le ripartenze dei suoi uomini non spaventano eccessivamente la Lazio, perchè Palacio appare troppo solo. Le mosse operate nel secondo tempo gli danno parzialmente ragione perchè l’Inter crea più occasioni, ma nel finale arriva il gol che punisce i nerazzurri.

LAZIO

Berisha 6 Poco impegnato dai nerazzurri durante tutto l’arco della gara, salva solo su Nagatomo.
Konko sv
> dal 15′ Cavanda 6,5 Scoglio difficile da superare per Nagatomo e per chiunque passi dalle sue parti.
Biava 6 Molto lavoro oscuro sugli attaccanti dell’Inter.
Dias 6 Rude come al solito, già ammonito, trattiene Rolando in area facendolo cadere: l’arbitro lascia correre.
Radu 6 Cerca in tutti i modi di far innervosire Guarin, ma l’impresa gli costa un giallo che gli farà saltare la prossima gara.
Candreva 6,5 Nel primo tempo sembra il più pimpante dei suoi, ma nel secondo viene annullato da Juan Jesus.
> dall’88’ Ederson sv
Gonzalez 5,5 Partita piuttosto anonima. Non è ancora al meglio e viene sostituito nel secondo tempo.
> dal 62′ Onazi 6 E’ l’uomo che Reja sceglie per tenere Kovacic: missione compiuta.
Ledesma 6,5 Dà un apporto fondamentale alla manovra sia in fase difensiva che in fase offensiva.
Hernanes 6 Prezioso quando la Lazio viene avanti alla ricerca del gol, per il resto cede la scena ad altri.
Lulic 5,5 Sfiora il gol in avvio, sebbene in fuorigioco. Nel secondo tempo si fa vedere in pochissime occasioni.
Klose 7 Dopo una prestazione anonima, decide la gara superando Ranocchia e battendo Handanovic al volo.

Reja 6 Nonostante giochi di fronte al suo pubblico, la Lazio resta dietro la linea della palla aspettando i nerazzurri sulla propria trequarti; non costruisce granchè e fa il possibile per far innervosire i nerazzurri e creare scompiglio in campo. Potrebbe perdere o pareggiare, e invece vince.

Arbitro Damato e assistenti 5 Gestione dei cartellini piuttosto sbilanciata a danno dell’Inter. Se da un lato ammonisce Alvarez e Guarin per falli piuttosto veniali, non adotta lo stesso trattamento nei confronti di altri giocatori della Lazio (esempi a caso, il fallo di Ledesma su Jonathan al 52′ o la gomitata di Klose su Rolando al 66′, neppure sanzionati). In particolare Dias, già ammonito, trattiere Rolando facendolo cadere in area: sarebbe rigore e forse a qualcuno lo avrebbero dato. Non all’Inter.

Alessandro Caltabiano