Inter > Inter News > FOTO – Inter, Tuttosport contro Hernanes: “Prima informati”

FOTO – Inter, Tuttosport contro Hernanes: “Prima informati”

Hernanes (Getty Images)

Hernanes (Getty Images)

FOTO INTER TUTTOSPORT HERNANES / TORINO – Le parole di Hernanes durante la presentazione ufficiale di ieri (rileggi qui) hanno infiammato i tifosi dell’Inter, ma non sono stato affatto digerite da una parte della stampa. Milioni di italiani sono stati truffati ed hanno smesso di appossiarsi dopo Calciopoli allo sport più bello del mondo. Eppure c’è chi fa di tutto per sminuire la pagina più brutta del calcio italiano e su ‘Tuttosport‘ è comparso il seguente editoriale a metà tra il sarcastico ed il polemico in risposta ad Hernanes:

“Eddai Hernanes: va bene la voglia di arruffianarsi subito la nuova piazza, va bene seguire le dritte di insiders nerazzurri di lungo corso; va bene persino la storia dei soldi che non hanno rappresentato il movente. Ci sta perfino, guarda, la cosa che l’Inter non è mai andata in Serie B (è un dato di fatto, incontrovertibile). Ma arrischiarsi addirittura a dire che si tratta dell’unico club non coinvolto in scandali e che l’hai scelta perché che ama vivere in pace… Eddai Hernanes, davvero. La relazione di Palazzi con annessa prescrizione è ancora lì che avvelena i rapporti interisti col mondo calcistico (non solo juventino). Lo scandalo Telecom, il caso Vieri, il passaporto di Recoba: hai presente? Poi guarda, se hai scelto l’Inter per vivere tranquillo, al di là di eventuali scandali, ragazzo, hai proprio sbagliato mira. Se c’è un luogo del pallone dove c’è sempre casino, quello è proprio l’Inter. Pazza Inter, amala pure, ci mancherebbe. Ma prima almeno informati bene“.

Un articolo fazioso, rancoroso, impreciso, pretestuoso, presuntuoso e chi più ne ha più ne metta. Una caduta di stile da parte di chi dovrebbe fare informazione senza schierarsi apertamente con una squadra e contro un’altra. L’Inter è e resta il lato pulito del calcio italiano. Edi giocatori la scelgono anche per questo. Piaccia o no.

L'editoriale di Tuttosport

L’editoriale di Tuttosport