Inter > Inter News > Inter, progetto stadio: sarà storica separazione con il Milan?

Inter, progetto stadio: sarà storica separazione con il Milan?

Erick Thohir (Inter.it)

Erick Thohir (Inter.it)

INTER MILAN PROGETTO STADIO SAN SIRO / MILANO – Una coabitazione nata nella stagione 1947-48 e che dopo 70 anni sembra arrivata al capolinea. Questa è l’ Inter news riportata dal sito ‘Sportmediaset’, secondo cui Inter e Milan hanno deciso di separarsi. San Siro non sarà più la casa (in affitto) per tutte e due. Tempo un mese, la scadenza è fissata per giovedì 13 marzo, e sapremo quali saranno le scelte che in questi giorni i due club stanno sottoscrivendo. Il Milan per costruirsi il nuovo stadio nell’area del Portello, destinata all’Expo 2015. L’Inter per rimettere a nuovo San Siro e farne una fissa, nonché esclusiva, dimora.

Per il Milan, Barbara Berlusconi, al lavoro da sei mesi per completare col suo staff il piano del nuovo stadio, previsto nell’area-Fiera che si va completando e secondo le linee tracciate dalla Regione, ha già portato avanti le richieste per completare il progetto. In tal senso, bisogna solo aspettare le scadenze per il via libera: e tali scadenze sono fissate alla metà di marzo. La scelta milanista è compiuta e ostacoli non ce ne dovrebbero essere. La costruzione del nuovo impianto comincerà a chiusura del’Expo, nell’autunno del 2015, e dalla stagione 2016-17 (ci pare più probabile quella successiva) il Milan avrà il suo nuovo stadio.

Per l’Inter, l’idea-base di Erick Thohir (uno stadio di proprietà e tutto nuovo) è tramontata? Fino a Natale, sembrava la linea di tendenza del neo-presidente, pronto a entrare in concorrenza col progetto-Milan per  cercare di spuntarla. Ma nelle ultime settimane, così trapela, la strategia è cambiata e l’Inter si è diretta verso il rinnovamento di San Siro. E’ da capire su quali basi rispetto alla proprietà che è del Comune di Milano, ma questi sono discorsi che Thohir affronterà in  seguito. Insomma, dal 2016 (meglio: dal 2017) Inter e Milan divideranno i loro destini da stadio.

Luigi Perruccio