Inter > calciomercato Inter > Calciomercato Inter: ‘speranza’ Sagna. Evra molto lontano

Calciomercato Inter: ‘speranza’ Sagna. Evra molto lontano

Bacary Sagna (Getty Images)

Bacary Sagna (Getty Images)

CALCIOMERCATO INTER SAGNA / LONDRA – Prima di Inter-Roma Piero Ausilio ha parlato a grandi linee, come giusto che sia, del mercato in prospettiva del club nerazzurro, che in estate sarà obbligato a rafforzarsi in modo massiccio, visto gli otto giocatori in scadenza di contratto. Tra questi, ricordiamo, Javier Zanetti ed Esteban Cambiasso.

“Stiamo monitorando dei giocatori che potrebbero essere funzionali alle nostre esigenze future”, ha dichiarato nello specifico il direttore tecnico dell’Inter.

“Bisogna tornare a essere protagonisti, per questo stiamo cercando di mettere in squadra i giocatori giusti secondo le nostre esigenze e quelle del mister. Le idee sono chiare, ma dovremo essere bravi a centrare gli obiettivi prefissi”.

 

Piero Ausilio (Inter.it)

Piero Ausilio (Inter.it)

Tra i “monitorati”, vi sono Bacary Sagna e Patrice Evra. L’Inter vuole sistemare la sua difesa, che a fine stagione dovrebbe ‘perdere’ Samuel, Chivu, Ranocchia e Andreolli.

Preso Nemanja Vidic, l’obiettivo principale della Beneamata è, appunto, il laterale francese in forza e in scadenza contrattuale con l’Arsenal. Che però non pare facilmente ‘inquadrabile’ nell’attuale schema di Mazzarri.

 

Evra e Vidic (Getty Images)

Evra e Vidic (Getty Images)

Sagna, come riporta la stampa francese, ha chiesto un ricco stipendio ai ‘Gunners’ per prolungare il suo matrimonio di altri 3-4 anni. Circa, se non di più, 4,5 milioni di euro.

Questa potrebbe essere la settimana decisiva per il suo futuro, l’Inter si attende una risposta alla sua offerta, che a noi comuni mortali resta misteriosa.

Il 31enne è un obiettivo anche di Monaco e Galatasaray, forse il club disposto ad accontentarlo in toto. Questione Evra: il francese, 33 anni, sembra destinato a rinnovare col Manchester United.

Moyes lo considera un elemento indispensabile per il team, che, come scritto sopra, ha già perso Vidic. E che a giugno dirà addio a Ferdinand, in odore di ritiro.

R.A.