Inter > Inter News > Inter-Torino 1-0, Mazzarri: “Dovevamo chiuderla. Visto spirito di squadra e la rosa…”

Inter-Torino 1-0, Mazzarri: “Dovevamo chiuderla. Visto spirito di squadra e la rosa…”

Walter Mazzarri (Getty Images)

Walter Mazzarri (Getty Images)

INTER-TORINO 1-0 MAZZARRI / MILANO – Palacio consente all’Inter di superare col minimo scarto, 1-0, il mal ridotto Torino di Ventura che, nel finale, è andato comunque vicino al pareggio. Coi tre punti, la squadra di Mazzarri accorcia sulla Fiorentina, quarta in classifica e ora a un solo punto di distacco: “L’unico neo è non aver chiuso prima la partita – spiega il tecnico nerazzurro -. Fra il primo e il secondo tempo avevo chiesto ai miei giocatori di non pensare di essere in vantaggio. Nel finale dovevamo cercare di chiuderla, perché poi un episodio può costarti i tre punti”.

“Voglio fare i complimenti ad Andreolli – aggiunge Mazzarri, che si lancia nell’elogio della sua difesa -, si allena bene ed è entrato in campo nel modo giusto. Complimenti anche ai miei collaboratori, che son riusciti a tenerlo in forma, avendo giocato pochissimo. Rolando, invece, sta facendo qualcosa di straordinario, finora l’ho fatto giocare ovunque. Non gli ho regalato niente, si sta comportato da grandissimo giocatore. Anche Ranocchia ha fatto una grande partita, dopo la chiusura del mercato l’ho sempre visto carico e determinato. E poi, visto che non giocava da tanto, non ha avuto nemmeno i crampi…”.

Buona prestazione anche di Icardi, che in una recente intervista ha amesso che deve migliorare: nello specifico, dove? “Ha un talento e delle doti ben definite, non è al top perché ha avuto dei problemi fisici – spiega, senza sbilanciarsi, l’allenatore nerazzurro -. Sono convinto che quando starà al cento per cento, sarà ancora più utile alla squadra”.

“Oggi abbiamo avuto spirito di squadra, questa di oggi rientra fra le partite più difficili”, sottolinea Mazzarri che, sulla possibile rosa dell’Inter che verrà, conclude così: “A fine anno faremo le dovute valutazioni. Il numero dei giocatori dipenderà dal numero di competizioni alle quali dovremo partecipare”.

R.A.