Inter > Inter News > Livorno-Inter 2-2, Mazzarri: “E’ una vergogna. Guarin? Alleno anche la testa, ma…”

Livorno-Inter 2-2, Mazzarri: “E’ una vergogna. Guarin? Alleno anche la testa, ma…”

Walter Mazzarri

Walter Mazzarri

LIVORNO-INTER 2-2 MAZZARRI / LIVORNO – Un erroraccio di Guarin ha permesso al Livorno di completare la rimonta e bloccare sul 2-2 l’Inter di Mazzarri che, nelle ultime tre giornate, è riuscita a raccogliere solamente due punti: “Chi ha visto la partita, avrà capito come questo sia un anno davvero strano per noi – dichiara Mazzarri a ‘Sky Sport’ -. Meglio salvare gli aspetti positivi, purtroppo un episodio ha riaperto la gara: fino al gol di Paulinho, avevamo comandato la gara… Sull’1-2 abbiamo anche sprecato un paio di palle gol, poi un errore ci ha impedito di conquistare i tre punti”.

Perché Guarin non riesce a diventare un leader di questa squadra, continuando a commettere queste ingenuità? “Fredy non deve diventare un leader, e certamente non deve commettere questi tipi di errori. Il suo di stasera, comunque, è come una papera del portiere. Può succedere, punto. Ripeto, questa è una stagione strana, che a me servirà per valutare bene cosa fare nella prossima stagione”.

Sono sempre gli stessi a commettere gravi errori: “Provo anche ad allenare la mente dei miei giocatori, con alcuni riesco a farmi capire, con altri no, forse per aspetti caratteriali. La testa è fondamentale per far lavorare le gambe. Ho sostituito Hernanes perché non era tanto lucido – precisa il tecnico nerazzurro – Sul 2-0 in nostro favore ci specchiavamo troppo, quindi ho preferito inserire Guarin, fresco e riposato, in considerazione del turnover”.

Nell’azione del 2-2, Samuel doveva fare fallo su Emeghara? “Credo non abbia fatto in tempo a ‘prendere’ l’attaccante amaranto, non penso si sia fatto condizionare dall’ammonizione beccata qualche minuto prima. D’altronde, la partita era ai minuti conclusivi”, conclude Mazzarri che, come riporta ‘sportmediaset’, in campo è stato molto più duro verso i propri giocatori: “E’ una vergogna buttare punti così”, come da labiale.

R.A.