Inter > Inter News > Milan-Inter per l’Europa League e il futuro dei tecnici Mazzarri e Seedorf

Milan-Inter per l’Europa League e il futuro dei tecnici Mazzarri e Seedorf

Mazzarri e Seedorf

Mazzarri e Seedorf

INTER-MILAN / MILANO – 36esima giornata: Milan contro Inter, al ‘Meazza’ è questa l’Inter News più interessante! Sfida che varrà l’Europa League? Può darsi. I rossoneri si sono ripresi e, approfittando degli ultimi pessimi risultati dei cugini, hanno accorciato le distanze in classifica: ora sono a meno cinque punti dal quinto posto, occupato in comunione con la Beneamata anche dal Parma.

Le milanesi puntano all’Europa che conta meno, sia per una questione di immagine sia per una questione di strategie da famoso ‘progetto’. Quindi di mercato. E poi perché c’è in ballo il futuro dei due allenatori. Mazzarri e Seedorf, i loro destini rischiano di incrociarsi e scontrarsi.
Il primo, alle prese con il perenne confronto col predecessore Stramaccioni e confermato sempre e comunque da Thohir, deve centrare almeno la quinta piazza, che eviterebbe all’Inter i playoff dell’ex Coppa Uefa e, nello stesso tempo, le consentirebbe di partecipare alla tournée americana a cui il patron interista tiene assai per un mero fattore economico. Altrimenti, son dolori. Per lui, con l’esonero dietro l’angolo; per la stessa società nerazzurra, che anche con un sesto posto sarebbe costretta a cambiare l’organizzazione del pre-campionato, di partenza già zoppicante e frastagliato causa vacanze post-Mondiali di molti dei suoi giocatori.

 

'gazzetta dello sport'

‘gazzetta dello sport’

Il secondo, invece, pur essendo il ‘cocco’ di Berlusconi è costretto a produrre risultati, non solo fantasia e fantasmagorici propositi di bel gioco offensivo. E il ‘diavolo’, per tradizione, non può stare senza Coppe. Ma la risalita è dura. Difficile fare previsioni con calendario alla mano, nel calcio tutto è possibile e può accadere, soprattutto quando si è vicini al traguardo. Seppur a debita distanza in classifica, Inter e Milan lottano la stessa battaglia per la sopravvivenza calcistica: tra debiti, rose mediocri e proprietà (nuove o vecchie) intente a rifarsi il trucco, nella speranza di giorni e anni migliori.

R.A.