Inter > Inter News > Sampdoria-Inter 0-4, Mazzarri: “Primo tempo giocato peggio del solito. Icardi quasi perfetto”

Sampdoria-Inter 0-4, Mazzarri: “Primo tempo giocato peggio del solito. Icardi quasi perfetto”

Walter Mazzarri

Walter Mazzarri

SAMPDORIA-INTER 0-4 MAZZARRI / GENOVA – Handanovic e Icardi han permesso all’Inter di superare con un rotondo 4-0 la Sampdoria di Mihajlovic, in dieci uomini causa espulsione di Eder per oltre settanta minuti. Nerazzurri sempre più quinti: “Oggi abbiamo vinto ma giocato peggio del solito il primo tempo, quando la Samp andava più forte di noi: nel secondo tempo, invece, si è giocato da grande squadra, sfruttando la superiorità numerica e perché se fai gol al momento giusto il risultato finale può anche essere diverso rispetto alla prestazione fornita. Dobbiamo acquisire ancora la giusta mentalità, se vogliamo continuare a vincere dobbiamo migliorare“, ha dichiarato Mazzarri ai microfoni di ‘Sky Sport’.

Positiva la prestazione di Kovacic: “Oggi è stato più utile alla squadra, anzi, ha giocato per la squadra. Sta attrezzandosi per diventare un campione, se continuerà a lavorare potrà solo che esplodere”. Ranocchia ingenuo sul fallo da rigore, forse per questo ha giocato poco per buona parte della stagione: “Ma non l’avevo mai accantonato: in alcuni momenti ho semplicemente fatto altre scelte. Forse oggi era un po’ pressato, l’intervento poteva evitarlo ma gli è venuto istintivamente… Andrea sta facendo comunque un bel campionato – evidenzia il tecnico nerazzurro, che poi spiega l’impiego di Samuel come terzino sinistro -. Perché vogliamo che la costruzione del gioco parta sempre da dietro e con l’argentino questo è stato possibile. In generale la difesa ha fatto bene, tranne in qualche occasione”.

Doppietta di Icardi, che però si è beccato un’ammonizione per aver festeggiato con annessa provocazione nei versi dei tifosi doriani – che lo hanno fischiato dall’inizio alla fine della sua partita – la rete del momentaneo 1-0: “Non doveva fare il gesto delle orecchie, ma per l’ambiente che si era creato nei suoi confronti ha fatto davvero bene. E’ un giovane, ma se continua così diventerà un grande centravanti. A lui avevo detto di pensare solo a giocare, perché è un professionista, e di non cadere nelle provocazioni“. Il futuro di Mazzarri sarà ancora all’Inter oppure bisogna dar retta alle voci di un possibile cambio a fine stagione? “Con società e presidente c’è un confronto continuo, i giornali non li leggo perché penso solo a lavorare e a dare tutto per la mia squadra. Poi il club segue e valuta il mio lavoro ogni giorno…”, conclude Mazzarri.

Raffaele Amato