Inter > Inter News > Inter, maledizione ‘Tardini’: l’ultimo successo nella stagione 2007/08

Inter, maledizione ‘Tardini’: l’ultimo successo nella stagione 2007/08

Walter Mazzarri

Walter Mazzarri

PARMA-INTER MALEDIZIONE TARDINI / MILANO – L’Inter contro il Parma e contro il Tardini. Un vero e proprio campo maledetto per i nerazzurri, stando alle statistiche riportate dal sito ‘Sportmediaset’: in 22 incontri i milanesi sono usciti sconfitti ben 13 volte, 6 pari e appena 3 le vittorie dei nerazzurri. Le gerarchie che si invertono: 66 punti disponibili, 15 raccolti dai nerazzurri, 45 dai ducali. Per trovare l’ultimo trionfo a Parma si deve risalire alla stagione 2007/08 quando sotto la pioggia battente una magica doppietta di Zlatan Ibrahimovic regalò il 16esimo scudetto alla squadra allenata da Roberto Mancini. Ai ducali quella sconfitta costò la retrocessione. Una sfida drammatica che a Parma hanno fatto pagare con gli interessi. Addirittura nelle ultime quattro partite gli emiliani hanno portato a casa 10 punti su 12 in palio. L’anno scorso finì 1-0, gol di Sansone nel finale.
Per Mazzarri che deve centrare assolutamente la qualificazione all’Europa League non ci poteva essere sfida più difficile. A complicare la trasferta si uniscono anche i numeri di un Parma, quest’anno, travolgente al Tardini. La squadra di Roberto Donadoni ha perso solo due volte in stagione, meglio di loro solo le prime due della classe (Roma e Juve, che non hanno mai perso in casa e sono, guarda caso, le uniche squadre che hanno portato via i 3 punti da Parma). A dare forza ai nerazzurri ci sono le ottime prestazioni che la squadra ha offerto fuori casa. Le vittorie più importanti della stagione sono arrivate, infatti, tutte lontano da S.Siro. L’ultima sconfitta in trasferta dell’Inter è datata 2 febbraio, 3-1 allo Juventus Stadium. L’Inter in trasferta gioca meglio e ha segnato più gol di tutti (32), facile prevedere una gara ricca di gol. Domani sarà il momento della verità per Walter Mazzarri. Abbattere il fantasma di Ibra per tornare a vincere al Tardini e spianarsi la strada verso l’Europa.

Luigi Perruccio