Inter > Inter News > dal campo > Milan-Inter 1-0: derby mediocre, decide de Jong. Centottanta minuti per l’Europa League

Milan-Inter 1-0: derby mediocre, decide de Jong. Centottanta minuti per l’Europa League

Milan-Inter 1-0

Milan-Inter 1-0

MILAN-INTER 1-0 / MILANO – Milan regina per una notte. Ai rossoneri va il derby numero 160, così la corsa all’Europa League resta ancora apertissima e di fatto l’Inter non può considerarsi ancora qualificata alla coppa che conta meno. Finisce 1-0 una stracittadina mediocre: al 65′ è implacabile, di testa, l’olandese de Jong.

Derby da sbadigli
Cambia di nuovo l’assetto difensivo dell’Inter: Samuel al centro, Ranocchia e Rolando ai lati. Cambiasso da metodista, Kovacic ed Hernanes gli interni: Palacio e Icardi in avanti. Milan con due pivote più la variabile Poli e due mezze punte alle spalle di Balotelli. Pressione alta di entrambe sull’uscite difensive: dinamico il centrocampo rossonero, a tre in fase di non possesso con Taarabt, che dà sostegno anche in fase di ripiego e contenuto da Cambiasso, dietro Kakà e Balotelli. Beneamata diligente in transizione difensiva, sostenuta anche dal tuttocampista Palacio: a intermittenza il movimento degli intermedi Kovacic ed Hernanes, che non appoggiano l’attacco, subito aggrediti dalla mediana e dai centrali. Le milanesi non si scoprono e commettono tanti errori nella costruzione, in particolare sulla corsia di Nagatomo e De Sciglio: difficile scegliere il peggiore. Ritmi blandi soprattutto in avvio azione, partita vicina a sbloccarsi dopo la mezz’ora: capovolgimento di fronte, Kakà prende in controtempo la difesa nerazzurra e scaglia un destro velenoso che scavalca Handanovic per poi stamparsi sulla traversa. Col passare dei minuti il brasiliano (e Taarabt) prende in mano la squadra, andando ancora vicino al gol allo scadere della prima frazione.

Decide de Jong
Secondo tempo più di stampo milanista: si alza il baricentro dell’undici di Seedorf e trova maggiore continuità la pressione alta sui portatori di palla avversari. Restano invece lente e prevedibili le due manovre, tre esterni su quattro (Constant tra i migliori) dimostrano scarsa qualità nei cross e nessun coraggio nell’uno contro uno. La monotonia si spegne al 65′, quando de Jong, grinta e giocate semplici davanti la difesa, imbeccato perfettamente da Balotelli su punizione e perso da Cambiasso in area di rigore, trova l’inzuccata dell’1-0. La rete scuote l’Inter solo per qualche minuto, ma Palacio, servito da Kovacic, si divora il possibile pareggio facendosi deviare in corner una ghiotta occasione. Entrano Guarin per il ‘Cuchu’ e Alvarez per Jonathan: Mazzarri sposta Hernanes in cabina di regia, passando alla linea a quattro dietro. Nel Milan Pazzini e Muntari surrogano Kakà e Poli. Sul finale c’è spazio per Milito e non per Zanetti. Ma il derby, mediocre come all’andata, non cambia: vince il Milan (la meno peggio valutando l’intera gara), adesso a meno tre dai cugini, stasera molli e senza personalità. La corsa europea si deciderà negli ultimi centottanta minuti della stagione.

IL TABELLINO

MILAN-INTER 1-0
65′ de Jong

MILAN (4-3-1-2): Abbiati; De Sciglio, Mexes, Rami, Constant (85′ Abate); Poli (71′ Muntari), De Jong, Montolivo; Taarabt; Kakà (75′ Pazzini), Balotelli. Panchina: Amelia, Gabriel, Silvestre, Bonera, Abate, Emanuelson, Essien, Honda, Robinho, El Shaarawy. Allenatore: Seedorf

INTER (3-5-2): Handanovic; Ranocchia, Samuel, Rolando; Jonathan (77′ Alvarez), Kovacic, Cambiasso (69′ Guarin), Hernanes, Nagatomo; Palacio, Icardi. Panchina: Carrizo, Castellazzi, Campagnaro, Andreolli, D’Ambrosio, Zanetti, Kuzmanovic, Taider, Botta, Milito. Allenatore: Mazzarri

ARBITRO: Bergonzi di Genova
NOTE – 15′ Mexes, 88′ de Jong (M); 39′ Cambiasso, 74′ Samuel, 79′ Ranocchia (I)

 

Raffaele Amato