Inter > Inter News > Inter-Southampton, de Boer: “Brozovic è pronto. Rischio esonero? Il club sa che…”

Inter-Southampton, de Boer: “Brozovic è pronto. Rischio esonero? Il club sa che…”

Inter-Southampton, de Boer ©Getty Images

Inter-Southampton, de Boer ©Getty Images

EUROPA LEAGUE INTER-SOUTHAMPTON DE BOER / APPIANO GENTILE – Contro il Southampton Frank de Boer dovrà solo vincere per riaccendere le speranze di qualificazione alla fase ad eliminazione diretta di Europa League e scacciare, almeno fino al match di campionato contro l’Atalanta, le voci sul possibile esonero. Il tecnico dell’Inter ha incontrato i giornalisti nella sala stampa di Appiano Gentile alla vigilia della sfida con la squadra inglese. Ecco le parole riportate da Interlive.it.

“Quando non si vince è sempre difficile, anche se contro Roma e Cagliari non meritavamo di perdere. Finora abbiamo dimostrato di essere una buona squadra, ma dobbiamo migliorare soprattutto nella gestione della partita, evitando distrazioni. E bisogna farlo in fretta. Se mi sento in discussione? Il progetto è appena cominciato, per ora i risultati ottenuti non sono positivi ma ho fiducia nella squadra. Ho bisogno di tempo, non so quanto, e questo la società lo sa. Lo staff tecnico deve conoscere bene la squadra, e viceversa. Non sento la pressione, è normale che ci sia visto che l’Inter è un grande club. L’unica cosa che posso fare in questo momento è continuare a lavorare con piena fiducia verso me stesso e la squadra. Icardi? Un capitano deve essere un esempio per tutti, dai compagni ai tifosi. Credo che lui ora abbia capito come comportarsi. Brozovic giocherà titolare? Marcelo sta bene, è pronto. Ma vedremo domani. Perché hai chiesto che il fisioterapista Leo Echteld entrasse nel tuo staff? E’ uno specialista nel settore, sta spesso qui ed è molto importante per l’Inter. A gennaio servirà un centrocampista bravo ad inserirsi? Non voglio parlare di mercato o di altri giocatori. Per me ora contano solo la mia squadra e i miei giocatori, comunque negli inserimenti da dietro possiamo migliorare già adesso. Dobbiamo attaccare l’area di rigore con più uomini, come accaduto a Joao Mario contro il Cagliari”, ha concluso de Boer.