Inter > Pagelle - I voti degli esperti > Inter-Torino 2-1, le pagelle: brilla Eder, si sblocca Icardi

Inter-Torino 2-1, le pagelle: brilla Eder, si sblocca Icardi

Inter-Torino 2-1 (Getty Images)

Inter-Torino 2-1 (Getty Images)

SERIE A INTER TORINO PAGELLE / MILANO – L’Inter torna alla vittoria in campionato. Nel turno infrasettimanale i nerazzurri si impongono 2-1 sul Torino grazie alla doppietta di Icardi. Ecco le pagelle:

INTER

Handanovic 6 – Non ha colpe sul gol di Belotti, per il resto è poco impegnato. Errore incredibile nel finale, quando rilancia sulla testa di Icardi.

Ansaldi 5 – Molti errori in fase di impostazione, tanto propositivo quanto impreciso. Clamoroso il patatrac con Murillo che vale il pareggio del Torino.

Miranda 6 – In marcatura non sbaglia (anche perché Belotti è abbandonato a se stesso). Troppa sufficienza palla al piede: alcuni errori sono davvero gravi.

Murillo 5 – Pauroso con la palla tra i piedi, se la cava difensivamente per la poca aggressività del Torino che abbandona a sé stesso Belotti. Disastroso con Ansaldi in occasione del pareggio del Torino.

Nagatomo 6,5 – Fa il suo con prudenza: limita bene Zappacosta e Iago. Propositivo a sprazzi. Un po’ più di spinta dopo il pareggio del ‘Toro’. Complessivamente buon secondo tempo.

Brozovic 6 – La miglior prova da quando è stato perdonato da De Boer. Strappa la sufficienza perché alla fine l’Inter vince lo stesso, ma è inspiegabile come abbia fatto a non segnare a zero metri dalla porta.

Joao Mario 6 – Posizionato in cabina di regia, fatica a liberarsi del controllo di Valdifiori. È comunque il primo – con un tiro da lontano – a creare un pericolo per il Torino. Alcuni disimpegni sono davvero rischiosissimi, così come alcune palle perse. Scompare nella ripresa, travolto dai ritmi altissimi della gara.

Banega 6,5 – Latita per tanti minuti, poi comincia a dispensare tocchi preziosi. Non male, ma potrebbe fare di più. Transizioni importanti nel secondo tempo.

Candreva 5,5 – A testa bassa. Troppo. Al 10’, invece che il facile assist per Icardi, sceglie il tiro al volo da posizione angolata. Con il passare dei minuti diventa una buona fonte di gioco per i padroni di casa, anche perché ottimamente supportato da Ansaldi. Secondo tempo con qualche fiammata di qualità, ma non continuo.

Icardi 7 – La voglia c’è, la precisione no. Sembra quasi impaurito ma, appunto, ha il merito di crederci sempre e così è al posto giusto al momento giusto quando Hart fa la papera. Nella ripresa sbaglia tanto sotto porta e si fa preferire in fase di assist. Quando il pubblico lo fischia per un passaggio sbagliato malamente a pochi minuti dal termine, trasforma le critiche in rabbia scagliata in porta per il definitivo 2-1.

Eder 7 – Conferma la buona condizione: impegna sempre Zappacosta e appare il più ispirato del tridente. Sono sue le giocate più importanti anche nella prima metà del secondo tempo. Poi crolla fisicamente. Dal 74′ Palacio 5,5 – Largo a sinistra. Non incide.

De Boer 6,5 – Potrebbe essere la sua ultima partita sulla panchina dell’Inter e opta per una squadra molto offensiva. L’Inter comincia forte e bene e, anche quando cala un po’ per intensità, fa la partita. Nella ripresa il Toro cambia modulo e spinge di più. L’Inter gioca bene in contropiede. Soffre, sbaglia tanto e, nel momento più duro, ritrova Icardi. Prestazione che lascia intravedere segnali di crescita.
TORINO

Hart 4 – Non compie vere parate e combina una pasticcio colossale sul gol di Icardi. Più impegnato – e sempre poco pulito – nella ripresa.

Zappacosta 5,5 – Non bene: soffre a lungo Eder e non riesce mai a sfondare. Nel secondo tempo cresce: i suoi diretti avversari accusano la stanchezza, lui li gestisce meglio e spinge di più. Ma a conti fatti non basta.

Rossettini 6,5 – Grande prova in marcatura su Icardi che contiene e anticipa con efficacia. Soffre un po’ di più nel secondo tempo – in spazi più ampi -, ma a 10′ dalla fine è decisivo su Icardi. Si fa sopraffarre solo a 2′ dalla fine, ma è decisivo.

Moretti 6 – Ritrova il posto da titolare. Senza fronzoli e senza concedere nulla allo spettacolo: resa assicurata. Ripresa da battaglia: il salvataggio al 20′ è tanto fortunato quanto importante.

Barreca 6 – Cerca di limitare Candreva e spesso ci riesce. Più in difficoltà su Ansaldi. Pochissima spinta. Va un po’ meglio nella ripresa: il cambio di modulo lo favorisce in fase di spinta. Difensivamente meglio, anche per il calo degli avversari.

Acquah 5 – Tanta corsa, ma ci si aspettava di più in termini di intensità. Dal 60′ Benassi 6 – Meglio del compagno che rileva: maggior tecnica e maggior ordine. Anche con lui il Toro riparte.

Valdifiori 5 – Tatticamente apprezzabile per come frena João Mario, non convince in fase di regia. È anche per questo che il Torino fatica a giocare.

Obi 5,5 – Brutto primo tempo. Non risulta incisivo in nessuna delle due fasi. Manca del tutto la sua proverbiale grinta. Un po’ meglo nel secondo tempo, sostenuto da altri palleggiatori in mediana. Dal 76′ Baselli 5,5 – Cerca di dare un po’ di qualità, ma la partita è ormai molto confusa. Non incide.

Iago Falque 5 – Fuori dal gioco: tocca pochissimi palloni e Nagatomo lo controlla da vicinissimo. Dal 46′ Maxi Lopez 6 – Impatto molto positivo: porta a un cambio di modulo molto efficace e, con il suo fisico, mette sempre in difficoltà Miranda.

Belotti 6,5 – Lotta con la consueta generosità, ma è sempre troppo isolato e poco servito. Nella ripresa è ben sorretto e, alla prima palla buona, buca imparabilmente Handanovic.

Ljajic 5 – Deludente per tutto il primo tempo: sulla sua corsia domina l’Inter. Solo una discesa anche nella ripresa. Esce per infortunio a 2′ dalla fine, lasciando il Torino in 10.

Mihajlovic 5,5 – Primi minuti intensi, con l’Inter che parte molto forte. Il Torino si difende con ordine, ma non ha la consueta ‘cattiveria’ e si ritrova a rincorrere per lunghi tratti. Ripresa migliore per atteggiamento e per disposizione (4-3-1-2). Si sono comunque visti Torino migliori. E non di rado.

Arbitro: Massa 5 – Al 22’ grazia Acquah che meriterebbe un giallo. Nella ripresa manca un rigore per parte: Miranda abbraccia Maxi Lopez in area. Poi Moretti salva sulla linea sul colpo di testa di Brozovic: sarebbe anche cartellino rosso.