Inter > Inter News > Luis Suarez: “Inter priva di buonsenso, ma Pioli scelta giusta. E col Milan…”

Luis Suarez: “Inter priva di buonsenso, ma Pioli scelta giusta. E col Milan…”

Luis Suarez

Luis Suarez

INTER NEWS / MILANO – Suarez polemico verso l’Inter. L’ex centrocampista spagnolo, autentica leggenda per quanto compiuto in nerazzurro negli anni Sessanta, ha espresso la sua opinione benedicendo l’arrivo di Pioli ma non lesinando grosse critiche alla società: “Pioli è un tecnico che ha fatto bene ovunque, è una persona di buonsenso ed è quello che manca all’Inter di oggi. Era importante ritrovarlo, i numeri lasciano il tempo che trovano. Mi fa piacere che Pioli voglia Biglia a centrocampo: lo conosco bene, ed è da tempo che dico che all’Inter serve un uomo di ordine in mezzo al campo. Biglia sa rallentare e accelerare il gioco, e fa in modo che i compagni si assumano le loro responsabilità anche nei momenti difficili”.

Abbiamo preso diciotto terzini che vanno e vengono, eppure anche in quel ruolo siamo sguarniti. Di chi è la colpa? Per non parlare di Joao Mario, che non serviva essendoci già Brozovic in quel ruolo: avendo già il croato, perché prendere il portoghese, tra l’altro pagandolo tantissimo? Quei soldi andavano spesi diversamente. Banega non è un regista, Medel va benissimo come centrocampista di quantità ma non può essere l’uomo che tocca più palloni. Anche in difesa bisogna intervenire, a parte Murillo e Miranda c’è il vuoto totale. Non c’è buonsenso e io mi auguro che Pioli venga ascoltato, perché mi sembra uno che di buonsenso ne ha. Può dare una mano in questo momento di confusione e difficoltà, dove tutti parlano quando non devono, e non parlano quando ce n’è bisogno. Quando hanno mandato via Mancini non dovevano prendere uno straniero (Frank de Boer, ndr), hanno soltanto perso tempo e soldi”.

“Partire col derby non sarà facile, ma se si batte il Milan si ha la strada spianata per la risalita, la classifica è molto corta. Serve un filotto di vittorie, non quindici, ne bastano quattro o cinque. Anche le altre squadre hanno dei difetti, bisogna approfittarne ora prima che sia troppo tardi. Il Milan fa punti ma non fa grandi cose, sembra che siano tutti bambini, è reclamizzato ma non sta facendo molto. Adesso vince di misura, 2-1 o 1-0, ma poi arriva il momento in cui va tutto storto ed è lì che si vede se una squadra è di livello“.

A.C.