Inter > Inter News > Cannavaro: “Curioso di vedere l’Inter. De Boer? La colpa è di chi lo ha scelto e ora…”

Cannavaro: “Curioso di vedere l’Inter. De Boer? La colpa è di chi lo ha scelto e ora…”

Cannavaro ©Getty Images

Cannavaro ©Getty Images

INTER NEWS / MILANO – Cannavaro commenta il derby. L’ex difensore nerazzurro, al momento allenatore della formazione Tianjin Quanjian, è intervenuto ai microfoni di ‘Sky’ per parlare dell’imminente Milan-Inter, sfida dal pronostico incerto anche per via dell’arrivo di Pioli sulla panchina interista: “C’è molta curiosità di vedere all’opera la sua squadra“, le parole dell’ex capitano della Nazionale. “Sono curioso anche perché è al debutto con i nerazzurri, e debuttare su una panchina in un derby non è assolutamente cosa da poco. E dall’altra parte c’è il Milan di Montella, che è stato bravo perché è riuscito a dare tranquillità all’ambiente. Vincenzo sta facendo le cose semplici, ed è quello che ci voleva. Sarà sicuramente un derby diverso da quelli che abbiamo visto negli ultimi anni. Chi vince avrà una svolta, per il Milan nelle prime posizioni e per l’Inter per cominciare a risalire”.

Si parla poi delle nuove proprietà cinesi: “Della proprietà del Milan so poco. Suning invece è un gruppo che conosco perché ha una squadra anche qui in Cina (ovviamente il Jiangsu, ndr) ed è una squadra forte. Hanno un po’ più di esperienza nel mondo del calcio. La cosa non deve spaventare in Italia, perchè arrivano nuovi investitori che però vanno aiutati a sbagliare il meno possibile. Io però non la vedo affatto come una cosa negativa”.

Un commento anche sull’esonero di Frank de Boer, tra i cui successori era indicato anche lo stesso Cannavaro: “Sicuramente de Boer ha dimostrato già in Olanda di essere un buon allenatore. La colpa semmai è di chi lo ha scelto e adesso è ancora lì a lavorare. Del resto è la cultura nel mondo del calcio a essere sbagliata, un allenatore ha bisogno di tempo per conoscere i suoi calciatori, l’ambiente, i tifosi e la cultura del club, e in uno o due mesi non si può fare niente“.

A.C.