Inter > Inter News > Riecco Gasperini: “L’Inter ha danneggiato me, non viceversa”. Ora basta!

Riecco Gasperini: “L’Inter ha danneggiato me, non viceversa”. Ora basta!

Gasperini ©Getty Images

Gasperini ©Getty Images

INTER NEWS / MILANO – Gasperini torna finalmente al suo sport preferito. Nel corso di un’intervista concessa a ‘Repubblica’, il tecnico dell’Atalanta è tornato a sparare a zero sull’Inter, proprio quando si cominciava a credere che l’esonero nerazzurro (avvenuto cinque anni fa) avesse smesso di bruciare sulla sua coscienza. Queste le parole di ‘Gasp’ al quotidiano romano: “All’Inter sono rimasto troppo poco per poter fare dei danni, semmai i danni li ho subiti io. La mia difesa a tre era vista con ripugnanza. Per questo motivo, è stata una grossa soddisfazione arrivare davanti all’Inter con il mio Genoa“.

Gasperini, ma di che ti lamenti?

Se la memoria non inganna, questo signore fu esonerato dopo zero vittorie in campionato e un pessimo 3-1 rimediato sul campo del Novara neopromosso (e a fine stagione retrocesso), per non dimenticare la sconfitta col Milan in Supercoppa italiana. Ma con che coraggio Gasperini può lamentarsi o parlare di ingiustizia ai suoi danni? L’Inter gli ha dato un’opportunità che non è stato in grado di cogliere, punto. Che la situazione dirigenziale nerazzurra del post-Triplete non sia limpida è un fatto assodato, che non gli abbiano comprato Palacio idem, ma per il tecnico di Grugliasco questa è stata troppo spesso una scusa. Era così necessario, Palacio, per vincere in casa del Novara?

Basta accostare quest’uomo a FdB. Per favore!

E non si vengano a fare paragoni con la situazione di Frank de Boer e con il suo esonero. Primo, perché l’olandese ha preso la guida dell’Inter ad agosto inoltrato e in una situazione dirigenziale molto più caotica. Secondo, perché, pur non conoscendo la Serie A, ha dato anche risposte buone (su tutte, ovviamente, la vittoria contro la Juventus). Terzo, perché, a prescindere da quanto fosse giusto l’esonero, de Boer l’ha incassato con stile e con grande signorilità. Dote di cui invece, il povero Gasperini sembra irrimediabilmente sprovvisto.

A.C.