Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Inter, Altobelli: “Icardi guadagna meno di 5 milioni di euro, una cifra...

Inter, Altobelli: “Icardi guadagna meno di 5 milioni di euro, una cifra bassa”

Inter, Altobelli mette in difficoltà Marotta, per lui Icardi meriterebbe il doppio dello stipendio

Alessandro Altobelli(Getty Images)

INTER ALTOBELLI SU ICARDI/ L’ex attaccante dell’Inter Alessandro Altobelli, è stato intervistato da Sportmediaset per avere delle delucidazioni in merito a Mauro Icardi. Queste le sue parole: “L’Inter deve tenere Icardi a tutti i costi. Mauro oggi è uno dei tre o quattro attaccanti più forti al mondo. E poi io sono sicuro che lui voglia restare in nerazzurro. Aveva la possibilità di andarsene, nel suo contratto c’è una clausola rescissoria: poteva approfittarne. Ma io dico che lui non vuole andarsene“. Gli hanno chiesto se è solo una mera questione economica e lui ha confermato: “Su questo non ci sono dubbi ma io credo che sia normale. Da quello che leggo, guadagna meno di cinque milioni a stagione, una cifra bassa se rapportata agli altri grandi attaccanti di livello mondiale. Icardi è un giocatore che potrebbe tranquillamente guadagnare dieci milioni a stagione e io dico che fa bene sua moglie a fare richieste elevate. Mauro vale quei soldi”. Gli hanno domandato un parere su come finirà questa situazione e lui ha spiegato: “Io credo che il matrimonio si farà, perché io sono sicuro che l’Inter vuole tenerlo e Mauro vuole restare all’Inter. Alla fine i soldi si troveranno e il contratto verrà firmato”. Gli hanno fatto notare che aveva inserito Icardi tra i primi 3-4 bomber più forti al mondo e gli hanno domandato un paragone e ‘Spillo’ ha spiegato: “In questo momento nel ruolo alla sua altezza ci sono solo Lewandowski e Suarez. Mauro è più forte di Benzema“. Gli hanno chiesto se fa bene allora il Real a contattarlo ancora e lui ha dichiarato: “Certo che fa bene. Icardi può giocare in squadre come Real, Barcellona, Manchester United e Manchester City. Quella è la sua dimensione”.