Home Inter News: tutte le ultime notizie nerazzurre Inter-Lazio, Spalletti: “Sconfitta pesante”. Poi attacca Icardi e società!

Inter-Lazio, Spalletti: “Sconfitta pesante”. Poi attacca Icardi e società!

Inter-Lazio, parla Spalletti

Inter Lazio Spalletti Icardi società
Luciano Spalletti (Getty Images)

Le ultime news Inter mettono in evidenza le dichiarazioni di Spalletti dopo il big match contro la Lazio valevole per la 29esima giornata di Serie A.

L’effetto derby è svanito subito in casa Inter, ko stasera contro la Lazio nel posticipo della 29esima giornata di Serie A: “E’ una sconfitta pesante contro una concorrente diretta per la Champions – ha esordito Spalletti nel dopo partita ai microfoni di ‘Sky Sport’. CLICCA QUI per le altre news sui nerazzurri – La partita è stata condotta molto bene per larghi tratti, non siamo stati fortunati all’inizio e loro dopo il gol, nella prima azione, hanno potuto fare la partita che volevano”.

Inter-Lazio, Spalletti: “Icardi non merita di giocare. Mediazione umiliante per gli interisti”

Spalletti ha poi risposto in merito alla non convocazione di Icardi lanciando bordate all’indirizzo dello stesso ex capitano, stasera in tribuna con Wanda Nara, ma pure della società per la mediazione con l’avvocato Nicoletti: “Tutta la situazione fa divertire voi, oggi lui deve star fuori per come si è comportato. Devono giocare gli altri… Secondo me poteva giocare anche un tempo stasera, ma adesso è giusto che vadano in campo chi sta dentro lo spogliatoio, in cui bisogna starci e avere credibilità che io nella mia carriera ho sempre avuto. Poi eran sei anni che l’Inter non andava in Champions e c’era Icardi in campo. Ho lasciato fuori calciatori per molto meno. Quante partite abbiamo perso con lui? La mediazione è una cosa umiliante per gli interisti, fare una trattativa per dire a uno di mettersi la maglia dell’Inter. Rientrerà in gruppo se continuerà a fare le cose giuste. Messi, Ronaldo, son questi che fanno la differenza… La vera forza di una squadra è poi la disciplina, la disciplina verso sé stesso e il contesto del dove si lavora”, ha concluso il tecnico.