Inter-Juventus 1-2 | Doppio Ronaldo e nerazzurri ko. Ora servirà l’impresa

0
225

E’ arrivato il triplice fischio del derby d’Italia Inter-Juventus valevole per l’andata delle semifinali di Coppa Italia. Ecco cronaca, tabellino, top e flop

Inter-Juventus 1-2 (Getty Images)

L’Inter perde in casa per 2-1 la sfida con la Juventus valevole per l’andata delle semifinali di Coppa Italia. Lautaro illude, poi Ronaldo firma la rimonta segnando il pari su rigore – fischiato giustamente dopo consulto al Var per l’ingenuo fallo di Young su Cuadrado – e il due a uno finale sfruttando la scellerata uscita di Handanovic (più l’erroraccio di Bastoni). Nella ripresa Sanchez e compagni vanno all’assalto, ma anche con un po’ di fortuna i bianconeri resistono portandosi a casa una vittoria pesantissima. Ora, per conquistare la finale, la squadra di Conte dovrà vincere martedì prossimo a Torino.

Per tutte le altre news sui nerazzurri CLICCA QUI.

LEGGI ANCHE >>> Interlive.it | Calciomercato Inter, rinnovo Lautaro: intesa di massima

Pagelle e tabellino Inter-Juventus

TOP

Sanchez – E’ da lui che parte l’azione dell’illusorio vantaggio di Lautaro. Per un po’ fa ammattire Demiral, che però nella ripresa gli nega un gol che avrebbe sicuramente meritato e consentito all’Inter di andare a Torino con maggiori chance di passare. A proposito del match di ritorno, il cileno non ci sarà: era in diffida e allo scadere si è beccato un giallo evitabile…

Skriniar – Gioca con coraggio e con alcune sortite offensive riesce a spaccare in due la Juve. Il ruolo di terzo di destra della difesa a tre riesce ormai ad interpretarlo come vuole Conte.

FLOP

Handanovic – Combina il patatrac con un’uscita inutile, incomprensibile e che alla fine regala il successo alla Juve.

Bastoni – Sul gol del due a uno di Ronaldo ha molte meno colpe di Handanovic, ma le h. Fin troppo sicuro di sé con il pallone fra i piedi…

Vidal – Testa non aiutata dal fisico e la prestazione ne risente. In calo nella ripresa, Conte lo toglie anche perché ammonito e lui si infuria. Era diffidato, salterà il ritorno.

Eriksen – Entra troppo molle, spreca una grande occasione per il 2-2.

Young – L’Inter ha un grosso problema sulla corsia mancina.

Darmian – Troppo timido, eppure Alex Sandro è tutt’altro che imperforabile. Non gli si può chiedere di non far rimpiangere Hakimi, ma qualcosa in più sicuramente sì.

 

TABELLINO

Inter-Juventus 1-2
8′ Lautaro Martinez, 25′ rig. e 34′ Ronaldo

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni (84′ Pinamonti); Darmian, Barella, Brozovic (84′ Sensi), Vidal (71′ Eriksen), Young (65′ Perisic); Sanchez, Lautaro. All.: Conte

Juventus (4-4-2): Buffon; Cuadrado, Demiral, De Ligt, Alex Sandro; McKennie (89′ McKennie), Bentancur (76′ Arthur), Rabiot, Bernardeschi (68′ Danilo); Kulusevski (89′ Chiesa), Ronaldo (76′ Morata). All.: Pirlo

Arbitro: Calvarese di Teramo
Var: Irrati
Ammoniti: Demiral, Young, Alex Sandro, Vidal, Ronaldo, de Ligt, Darmian, Arthur, Sanchez, Morata
Note: 1′ recupero pt; 4′ st