Il fuoriclasse Modric: nel 2018 l’Inter lo voleva gratis

0
299

Notte stellare quella di Luka Modric in Champions League contro il Paris Saint Germain. L’ennesima dimostrazione di un campione senza tempo che fu anche vicino all’Inter 

Le magiche notti di Champions League sono fatte esclusivamente per i grandi campioni, quelli capaci di esaltarsi al meglio quando la posta in gioco si alza e il margine d’errore è pressoché inesistente. In settimana ha dimostrato per l’ennesima volta la sua inesauribile grandezza Luka Modric, 36enne centrocampista croato, che rientra nella categoria sopra citata e che è autentico cuore e cervello pensante di un Real Madrid capace di compiere l’impresa contro un più quotato Paris Saint Germain.

Luka Modric © LaPresse

Una notte magica per i madrileni, esaltati da un super Benzema e guidati in cabina di regia da un Modric capace di non sbagliare praticamente mai, e di condurre per mano le due fasi della squadra di Carlo Ancelotti. Esaltante in particolare la straripante azione del 2-1 dei ‘blancos’ con una conduzione palla dalla propria metà campo del croato fino poi con gli sviluppi seguenti ad arrivare all’imbucata da visionario per Benzema.

Calciomercato, quella volta che Modric fu vicino all’Inter: ora chiuderà col Real

Luka Modric © LaPresse

La serata di Real-PSG ha solamente certificato ancora una volta il valore di un calciatore senza tempo, che nonostante il peso degli anni è ancora capace di fare la differenza. Un Modric che peraltro nell’estate 2018 fu anche accostato con grande decisione all’Inter. Il croato infatti aveva una sorta di bozza di accordo con la società nerazzurra, che però era disposta a prenderlo ma solo se si fosse liberato gratis dal Real.

All’epoca però Florentino Perez, con buona ragione, non ne volle sapere di lasciar andare via così Modric, il quale alla fine è rimasto comunque contento perché la permanenza al Madrid è stata sempre la sua priorità. Ora a quasi 37 anni, da leader dello spogliatoio e dopo aver vinto tutto chiuderà la carriera lì. Un calciatore che per il suo valore assoluto e la sua esperienza internazionale, se fosse arrivato all’Inter, probabilmente sarebbe stato ancora centrale.