Addio e sostituto dall’Inter: un esubero per monetizzare

0
661

Il mercato dell’Inter non si ferma ancora. Anche in uscita, tra le seconde linee, qualcosa potrebbe essere fatto. In particolare occhio al futuro di un centrocampista 

La rosa dell’Inter viaggia ormai verso la sua definitiva dimensione per la stagione 2022/23 iniziata peraltro con due successi in altrettante gare. Qualche ritocchino potrebbe essere fatto tra le seconde linee: in entrata in difesa con un’alternativa, e in uscita in altri reparti come il centrocampo. Si cerca infatti una possibile sistemazione in particolare per due calciatori: Lucien Agoumé che Eddie Salcedo.

Simone Inzaghi ©LaPresse

Dopo una discreta annata passata in prestito in Francia con la maglia del Brest, per il centrocampista transalpino classe 2002 si sono prospettate diverse possibilità, soprattutto in ottica Serie A. L’Inter dal canto suo è aperta alla cessione definitiva del ragazzo, anche per monetizzare ulteriormente, ma la cifra che richiederebbe non è affatto bassa.

Calciomercato Inter, William Carvalho via dal Betis: Agoume idea per sostituirlo

Lucien Agoume ©LaPresse

Una nuova pista per Agoume potrebbe spuntare dalla Spagna, dove c’è chi come il Betis che potrebbe avere necessità. Il club di Siviglia ha necessità di alleggerire la propria rosa da ingaggi e costi importanti e un indiziato a partire è l’esperto William Carvalho che è stato peraltro anche accostato alla Serie A. Il portoghese infatti sarebbe stato avvicinato al Monza senza dimenticare piste intriganti all’estero come Lione e Galatasaray.

A prescindere dalla destinazione finale, Carvalho lascerebbe un buco in mediana chiaramente da colmare con un calciatore magari più giovane, con ingaggio più basso e di maggiori prospettive. In questo contesto, e con i soldi di una possibile cessione, proprio Agoume potrebbe essere un’idea per il Real Betis ancora nella rosa dell’Inter e monetizzabile come uscita dopo le ultime annate in prestito. L’apertura all’addio definitivo ci sarebbe ma i nerazzurri sparano non meno di 12/15 milioni di euro.