Vanheusden senza pace: un altro infortunio per il belga

0
1042

Il calciatore resterà fuori per un periodo di tempo non meglio specificato per un problema al piede, è da poco rientrato da un altro stop forzato

Quando la sfortuna colpisce una volta, è molto probabile che possa ricapitare anche in futuro. Superstizioni o no, questo è quanto accaduto al difensore centrale dell’Inter, Zinho Vanheusden, nella sua parentesi iniziale all’AZ Alkmaar.

Zinho Vanheusden (credits: profilo Instagram)

Il calciatore infatti rientrava da uno stop forzato che gli ha portato via cinque giornate del campionato di Eredivisie e tutta la fase di qualificazione alla Conference League per qualche problema di condizione fisica. Una volta rientrato in prima squadra nella seconda settimana di settembre, il giovane calciatore ha però proseguito la sua attività di recupero senza forzare su tempi ed energie. Tant’è che anche per le due partite seguenti è stato lasciato in panchina. Quindi sono seguite due chance, una contro il Groningen e l’altra contro l’Utrecht.

Nel corso di quest’ultima, durata per lui appena trenta minuti, avrebbe rimediato una contusione al piede che in un primo momento aveva fatto pensare al peggio. Gli accertamenti, svoltisi sotto l’egida dell’equipe medica olandese, hanno poi evidenziato una frattura. Ecco il comunicato ufficiale del club: “Zinho Vanheusden ha subito un infortunio al piede e per il momento non è disponibile. Guarisci presto, Zinho!“. Non è stata specificata la data del rientro, ma si presume debba stare a riposo almeno un mese e mezzo.

Vanheusen cercato dagli infortuni, anni da incubo

Zinho Vanheusden ©LaPresse

Prima ancora di incappare in questi due problemi fisici con la maglia dell’AZ, Vanheusden è stato perseguitato dagli infortuni nonostante la giovane età. I più recenti da ricordare sono quelli occorsi tra le file del Genoa, nella stagione 2021/2022, per un totale di 101 giorni (guaio al ginocchio), 19 giorni (affaticamento) e altri 52 giorni (problema muscolare). L’anno prima, invece, si era rotto il legamento crociato ed è stato lontano dai campi di gioco per 176 giorni.