Colpo gratis a giugno e Inter beffata: Marotta senza via d’uscita

0
19

Speranze ridotte all’osso dopo l’indiscrezione che riporta l’interessamento da parte del colosso inglese su uno degli obiettivi principali dei nerazzurri

Non accade con una certa frequenza, ma spesso i passaggi di testimone dalla proprietà cedente a quella subentrante sono il segnale più lampante di una beneficiante rivoluzione in atto. È stato questo il caso del Chelsea, al termine dell’era di Roman Abramovich: il nuovo proprietario Todd Boelhy, filantropo americano, ha innestato nuova forza economica e promosso una campagna societaria di assoluta crescita. Soprattutto sotto il profilo dei risultati.

Potter vuole Thuram, Inter prevenuta
Graham Potter ©LaPresse

Come logico pensare, per poter raggiungere dei risultati soddisfacenti è necessario investire le risorse a disposizione in operazioni mirate. Ed infatti, grazie all’aiuto della dirigenza londinese e dietro consiglio del tecnico Graham Potter – erede di Thomas Tuchel –  il magnate è riuscito a costruire una rosa di tutto rispetto. Ciononostante, non è qui che l’ambizione del Chelsea raggiunge il suo limite. Proprio negli scorsi giorni è stata resa nota l’estrema vicinanza al profilo di Enzo Fernandez, con il quale sarebbe stato raggiunto un accordo di massima con il Benfica che ad oggi sarebbe tornato sui suoi passi. Come se non bastasse, la prossima estate è prevista l’annessione anche di Christopher Nkunku, mostruoso talento in ascesa di provenienza Lipsia e mattatore in Bundesliga. E la lista potrebbe proseguire ancora, verso l’unico obiettivo di tappezzare di stelle il firmamento dei ‘Bues’ con la firma di un profilo sui cui l’Inter è in fissa da tempo.

Calciomercato Inter, anche Thuram in balia del Chelsea

Ebbene, il Chelsea ha messo gli occhi su Marcus Thuram. Questa è l’ultima indiscrezione di mercato fatta trapelare da ‘Si and Dan Talk Chelsea’ su Twitter. Il centravanti francese, figlio d’arte della vecchia conoscenza della Juventus, è infatti in scadenza il prossimo giugno con il Borussia Monchengladbach.

Thuram verso il Chelsea, addio Inter
Marcus Thuram ©LaPresse

L’amministratore delegato dell’Inter, Giuseppe Marotta, conta di convincerlo nuovamente a vestire nerazzurro come (quasi) accaduto due estati fa, prima che il pesante infortunio facesse sfumare l’accordo sul più bello. Ma dovrà fare i conti con Boelhy e la sua amministrazione, sempre velenosa sul fronte mercato. Possedere un monte ingaggi ricco è un vantaggio di non poco conto per il club londinese, contrariamente alle note difficoltà finanziarie che l’Inter sta cercando in tutti i modi di fronteggiare da un paio d’anni. Quindi le chance di una buona riuscita per i nerazzurri sono davvero risicate, ridotte all’osso.

Bisognerà contare sull’abilità di Marotta e l’aiuto di Ausilio per contrastare il potere del denaro, lanciando un altro tipo di promessa. Quella che qualsiasi giovane calciatore vorrebbe sentirsi dire: prendere in mano le redini dell’attacco, al fianco di Lautaro Martinez (in caso di permanenza) e al posto di Romelu Lukaku (in caso di mancato rinnovo del prestito). Diventare un simbolo, poi, è cosa per pochi. Thuram, in ogni caso, avrebbe tutte le qualità per farlo. Tempo al tempo.