Inter, ritorno Cancelo: notizia esplosiva dall’Inghilterra

0
44

L’esterno portoghese infiamma il mercato con un aggiornamento clamoroso, intanto l’Inter valuta seriamente le possibilità di ritorno dell’ex 

Prodotto del vivaio del Benfica con cui ha avuto l’onore di esordire quasi dieci anni fa, Joao Cancelo è man mano andato incontro ad una crescita esponenziale che gli ha permesso di essere etichettato senza mezze misure come uno degli esterni più preziosi al mondo.

Cancelo idea Inter
Joao Cancelo ©LaPresse

Una menzione speciale va certamente al suo periodo tutto italiano: dapprima giunto in prestito all’Inter al Valencia, ha fatto poi l’exploit con la maglia delle Juventus nella stagione successiva. Probabilmente il suo percorso in Serie A è stato meno duraturo di quel che ci si sarebbe immaginato, ma la dirigenza bianconera non ha perso tempo nel generare ulteriore plusvalenza e cedere il suo cartellino al Manchester City per 65 milioni di euro. Così tra le file dei ‘Citizens’ di Pep Guardiola, ove milita dal 2019, ha raggiunto l’apice dei suoi successi vincendo due volte il campionato di Premier League, due Coppe di Lega e una Supercoppa Inglese. Senza neppure dimenticare il preziosissimo contributo nel giro della Nazionale portoghese in Nations League.

Questa favola sembra destinata a continuare sulla carta perché legato al club da un contratto in scadenza nel 2027, ma quelle che prima erano delle certezze sul suo futuro oggi sono tramutate in qualcosa di nuovo. Un sentimento di ambiguo nervosismo, da parte sua, per non essere più così centrale negli schemi del tecnico spagnolo come accaduto in passato. Probabilmente, da parte sua, Guardiola ha visto in Kyle Walker l’inestinguibile fiamma di chi non vuole spegnersi mai. E per questo motivo ha dato al terzino inglese le redini della corsia destra, scalzando dal suo piedistallo Cancelo. Una mossa che adesso fa rumore, anche sul mercato.

Calciomercato: Cancelo e il ritorno in Serie A

L’edizione odierna di ‘The Telegraph‘ riporta il laterale portoghese nel mirino di diversi club europei dalla provenienza più disparata. Dalla Spagna alla Germania, passando per la Francia: in tanti sono disposti ad accaparrarsi le sue prestazioni sportive, persino in Italia. Che possa dunque trattarsi di un potenziale ritorno in Serie A? Ebbene le chance sono equamente distribuite.

Cancelo idea Inter
Joao Cancelo ©LaPresse

Nel caso in cui il calciatore decidesse di riaffacciarsi al nostro campionato, l’Inter potrebbe seriamente essere una valida destinazione. Lì Cancelo ha un conto in sospeso che torna indietro nel tempo a quando, per forza di cose, non è stato riscattato dall’allora direzione sportiva per una cifra ‘abbordabile’ come 25 milioni. Per poterci mettere le mani oggi Giuseppe Marotta avrebbe da faticare non poco, ma si tratterebbe di una grande rivincita.

La prima grande difficoltà è rappresentata – ovviamente – dal valore del suo cartellino. Per poter pensare di arrivare anche soltanto lontanamente ai 70 milioni richiesti, anzitutto bisognerebbe dare per certa la cessione di Denzel Dumfries ad una delle pretendenti ed eventualmente aggiungere un piccolo conguaglio cash. In secondo luogo, ad accordo concluso tra club, ci sarebbe la questione legata all’ingaggio. Troppo per quel che le casse nerazzurre possono permettersi al momento. L’operazione Cancelo, dunque, per quanto ambiziosa e stuzzicante, non trova né capo né coda.

Da Skriniar a Leao: le milanesi imbrigliate nei rinnovi

Restando in chiave Portogallo, a poter fare le valigie nell’imminente futuro potrebbe essere proprio il connazionale di Cancelo, Rafael Leao. Ad aver parlato della questione rinnovi, alla quale appartiene anche il capitolo Skriniar, è stato l’agente Ludovico Spinosi in una recente intervista per ‘calciomercato.it‘ sulla nota piattaforma streaming ‘TvPlay‘.

Leao come Skriniar, rinnovo dubbio
Rafael Leao ©LaPresse

Se fossi nel Milan andrei fuori budget, offrendogli quel che chiede per poi rivenderlo a 100 milioni. Se la trattativa continua così è difficile che resti nel nostro campionato“, ha dichiarato. Situazione pressoché identica a quella del difensore slovacco, costretto a tenere in forte considerazione le impellenti chiamate della Premier League.