Obiettivo fuori portata: Marotta studia lo stratagemma vincente

Costa troppo, e non solo per l’Inter: a oggi l’obiettivo per il centrocampo scelto da Marotta appare fuori portata per tutta la Serie A

L’ad Beppe Marotta potrebbe però non arrendersi. Già in passato si è esposto dichiarando di essere interessato al prospetto. E se lo ha fatto, sbilanciandosi quasi gratuitamente, può essere solo per due ragioni. La prima è che già sa di non poterlo prendere…

Marotta punta ancora a Frattesi
Beppe Marotta (LaPresse) – interlive.it

La seconda è che abbia valutato conveniente giocare a carte scoperte, per invogliare il calciatore a scegliere l’Inter e così sperare in una sua intercessione volta ad abbassare le pretese del club di appartenenza. Difficilmente, però, il ragazzo potrà impedire al suo club di rinunciare ai milioni in arrivo dall’estero.

Ricapitolando: Marotta ha espresso il proprio entusiasmo per Davide Frattesi del Sassuolo, un giocatore che l’Inter ha seguito anche l’anno scorso e che poi non ha comprato per via della richiesta troppo alta fatta dai neroverdi. Ora Frattesi costa ancora di più.

Giovanni Carnevali, qualche settimana fa, parlò di 40 milioni. Davvero troppi, specie per i nerazzurri che non hanno fondi da sperperare sul mercato per acquistare in un reparto in cui, fra le altre cose, sono anche abbastanza coperti.

40 milioni di motivi per considerare l’obiettivo è fuori portata

L’amministratore delegato del Sassuolo ha parlato ancora di Frattesi e del suo futuro lontano dal club neroverde con DAZN prima dell’inizio della sfida contro la Fiorentina. E come suo solito, Carnevali è stato diretto.

Carnevali gela l'Inter su Frattesi
Davide Frattesi del Sassuolo (LaPresse) – interlive.it

Per quanto riguarda Frattesi sento che tante italiane si sono avvicinate, ma con noi non hanno mai parlato. L’unico mercato per Frattesi è quello di Premier: abbiamo avuto qualche richiesta“.

Cosa significa? Evidentemente che il giovane centrocampista è fuori portata come obiettivo sia per l’Inter che per le altre società italiane interessate. Come la Roma, che l’anno scorso aveva concluso un opzione d’acquisto e come la Juventus, che quest’anno sembrava decisa sull’investire sul ragazzo.

L’impressione è che l’Inter non avrebbe comunque fatto follie per Frattesi. Pur essendo un elemento stimato sia da Marotta che da Inzaghi, il club nerazzurro avrebbe potuto farci un pensiero solo con un prezzo limitato sotto il tetto dei 25 milioni. Un costo, in prospettiva, da dilazionare con un prestito con obbligo di riscatto e da abbassare attraverso contropartite.

Mercato a centrocampo: la strategia di Marotta

L’ad nerazzurro resterà vigile su Frattesi, conscio che l’Inter dovrà investire prima in altri reparti. Bisogna principalmente pensare alla difesa e all’attacco. Poi, solo in caso di occasioni interessanti o contingenze favorevoli, la dirigenza interista proverà a rinforzare il centrocampo. Con una valutazione massima di 35 (cash più contropartite), l’affare si potrebbe anche fare.

Inzaghi non vuol perdere Brozovic
Inzaghi e Brozovic (LaPresse) – interlive.it

Così com’è, in teoria, il centrocampo è quasi completo. Serve solo un sostituto di Gagliardini, che si svincolerà tra pochi giorni (e forse andrà al Milan, o al Monza). L’obiettivo numero uno è Pereyra dell’Udinese da prendere a zero. Tutte le altre trattative sono poco concrete, e soprattutto collegabili solo a cessioni. In uscita al momento, a centrocampo, non c’è nessuno. Va esclusa una partenza di Asllani (nemmeno in prestito).

Chi potrebbe effettivamente salutare è Brozovic, che ha richiesto in Liga (il Barcellona) e in Premier. E che potrebbe anche lasciarsi lusingare dai milioni dei sauditi. Fa male dirlo, che il croato è un serio indiziato per il mercato in uscita.

Dovesse davvero partire Brozo (Inzaghi non vorrebbe mai perderlo, ma la dirigenza sembra orientata a lasciarlo andare), Marotta potrebbe allora cercare un centrocampista forte, non per forza un regista (dato che il regista in rosa già c’è: è Calhanoglu). E solo in questo caso l’ad nerazzurro si muoverebbe più concretamente per Frattesi. Le altre opzioni rimandano a Mikinkovic-Savic in uscita dalla Lazio e a Kessié del Barecellona.

Impostazioni privacy